Dyoplosaurus acutosquameus

specie di animale della famiglia Ankylosauridae
(Reindirizzamento da Dyoplosaurus)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dyoplosaurus
Dyoplosaurus.tif
Cranio olotipo di D. acutosquameus

in evidenza i tendini ossificati

Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Superordine Dinosauria
Ordine † Ornithischia
Famiglia † Ankylosauridae
Sottofamiglia † Ankylosaurinae
Genere Dyoplosaurus
Parks, 1924
Nomenclatura binomiale
† Dyoplosaurus acutosquameus
Parks, 1924

Dyoplosaurus (il cui nome significa "lucertola doppiamente corazzata") è un genere estinto di dinosauro ankylosauride vissuto nel Cretaceo superiore, circa 76,5 milioni di anni fa (Campaniano), in quella che oggi è la Formazione Dinosaur Park, in Alberta, Canada. Il genere contiene una singola specie, ossia D. acutosquameus.[1]

DescrizioneModifica

 
Coda dell'olotipo di D. acutosquameus

L'esemplare tipo di Dyoplosaurus era lungo circa 7 metri (23 piedi)[2] e largo circa 1,7 metri (7,8 piedi), con un cranio di 35 centimetri (14 pollici) di diametro. Come la maggior parte degli altri ankylosauridi, il Dyoplosaurus era quadrupede, terrestre ed erbivoro, con un corpo corazzato e una mazza caudale all'estremità della coda. La mazza era composta da diverse placche fuse insieme.[3] La mazza della coda del Dyoplosaurus è relativamente piccola e stretta, se confrontata a quella di altri ankylosauridi.

Questo dinosauro possedeva un corpo rivestito di una pesante corazza ossea, costituita da numerosi osteodermi organizzati in file. Sul dorso erano presenti veri e propri spuntoni ossei, mentre la coda era dotata di una struttura a forma di mazza, formata da ossa fuse.[3] La metà posteriore della coda era irrigidita da tendini ossificati e da vertebre che si incastravano fra loro, a formare una struttura di notevole potenza. Il cranio, anch'esso corazzato, era dotato di quattro proiezioni ossee a forma di corna.[3]

ClassificazioneModifica

 
Ricostruzione della coda e del bacino di D. acutosquameus

Nel 1971, Walter Coombs propose che il Dyoplosaurus potesse essere un sinonimo junior di Euoplocephalus. I due erano generalmente considerati la stessa specie quindi, ex-esemplari di Dyoplosaurus vennero identificati come Euoplocephalus tutus. Tuttavia, una ridescrizione del genere pubblicata nel 2009 sul Journal of Vertebrate Paleontology sostenne che il genere fosse un taxon valido, suggerendo che la sinonimia proposta era dovuta alla natura frammentaria dell'olotipo e di altri esemplari di E. tutus.[1] L'analisi cladistica eseguita da Thompson et al. (2011), ha confermato questa separazione.[4]

Il seguente cladogramma si basa su un'analisi filogenetica degli Ankylosaurinae condotta da Arbor e Currie (2015):[5]


Ankylosaurinae

Crichtonpelta

Tsagantegia

Zhejiangosaurus

Pinacosaurus

Saichania

Tarchia

Zaraapelta

Ankylosaurini

Dyoplosaurus

Talarurus

Nodocephalosaurus

Ankylosaurus

Anodontosaurus

Euoplocephalus

Scolosaurus

Ziapelta

Storia della scopertaModifica

Il Dyoplosaurus fu nominato da William Parks nel 1924, basandosi sull'olotipo ROM 784, uno scheletro parziale che include parti del cranio e delle mandibola. L'olotipo è stato raccolto a 10 metri dal fondo della Formazione Dinosaur Park, vicino a quello che ora è il fiume Red Deer, in Alberta, Canada.[1]

PaleobiologiaModifica

Il Dyoplosaurus, probabilmente, vagava per le antiche pianure boschive dell'Alberta, cercando cibo costituito da fogliame, che strappava con il suo largo becco. La pesante corazza e la mazza caudale dovevano essere un notevole deterrente contro i predatori, come i tirannosauridi Albertosaurus e Daspletosaurus. Viste le ridotte dimensioni della sua mazza caudale, è probabile che l'animale facesse quasi totalmente affidamento alla sua corazza per proteggersi, oppure viaggiava in piccoli gruppi per proteggersi meglio.[1][3]

NoteModifica

  1. ^ a b c d V. M. Arbour, M. E. Burns e R. L. Sissons, A redescription of the ankylosaurid dinosaur Dyoplosaurus acutosquameus Parks, 1924 (Ornithischia: Ankylosauria) and a revision of the genus, in Journal of Vertebrate Paleontology, vol. 29, n. 4, 2009, pp. 1117, DOI:10.1671/039.029.0405.
  2. ^ Holtz, Thomas R. Jr. (2011) Dinosaurs: The Most Complete, Up-to-Date Encyclopedia for Dinosaur Lovers of All Ages, Winter 2010 Appendix.
  3. ^ a b c d W. A. Parks, Dyoplosaurus acutosquameus, a new genus and species of armored dinosaur; and notes on a skeleton of Prosaurolophus maximus, in University of Toronto Studies Geological Series, vol. 18, 1924, pp. 1–35.
  4. ^ Richard S. Thompson, Jolyon C. Parish, Susannah C. R. Maidment e Paul M. Barrett, Phylogeny of the ankylosaurian dinosaurs (Ornithischia: Thyreophora), in Journal of Systematic Palaeontology, in press, 2011, DOI:10.1080/14772019.2011.569091.
  5. ^ Arbour, V. M. e Currie, P. J., Systematics, phylogeny and palaeobiogeography of the ankylosaurid dinosaurs, in Journal of Systematic Palaeontology, 2015, pp. 1–60, DOI:10.1080/14772019.2015.1059985.

BibliografiaModifica

  • Parks, W. A. (1924). "Dyoplosaurus acutosquameus, a new genus and species of armored dinosaur; and notes on a skeleton of Prosaurolophus maximus". University of Toronto Studies Geological Series 18: 1–35.
  • Arbour, V. M.; Burns, M. E.; and Sissons, R. L. (2009). "A redescription of the ankylosaurid dinosaur Dyoplosaurus acutosquameus Parks, 1924 (Ornithischia: Ankylosauria) and a revision of the genus". Journal of Vertebrate Paleontology 29 (4): 1117–1135. doi:10.1671/039.029.0405.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica