Apri il menu principale
Eberhard Weber
Eberhard Weber.jpg
Eberhard Weber a Lucerna, Svizzera
NazionalitàGermania Germania
GenereJazz[1]
World fusion music[1]
New age[1]
Periodo di attività musicale1962 – in attività
StrumentoContrabbasso elettrico, contrabbasso, violoncello
Album pubblicati17
Studio14
Raccolte3
Sito ufficiale

Eberhard Weber (Stoccarda, 22 gennaio 1940) è un contrabbassista e compositore tedesco. Da esecutore, è riconosciuto come uno dei più virtuosi ed originali jazzisti, apprezzato per il suo tono e fraseggio.[2] Le sue composizioni musicali sono di difficile collocazione stilistica, essendo un ibrido ricco di rimandi al chamber jazz, alla musica classica europea, a quella minimalista e all'ambient music, e sono considerate un grande esempio del sound dell'etichetta discografica ECM.

DiscografiaModifica

SolistaModifica

RaccolteModifica

  • Works (1985)
  • Selected Recordings (2004)
  • Colours (2010) (ripubblicazione di Yellow Fields, Silent Feet e Little Movements)

SidemanModifica

Con Gary Burton

Con Kate Bush

Con Jan Garbarek

Con Pat Metheny

Con Ralph Towner

Con Mal Waldron

Con altri artistiModifica

Consultare i "Collegamenti esterni" per la discografia completa

Connessioni letterarieModifica

Weber si è ispirato, almeno cinque volte, a La collina dei conigli (di Richard Adams) per i titoli di sue composizioni ed album. Esempi lampanti sono la title-track e Eyes That Can See in the Dark da Silent Feet; Often in the Open da Later That Evening e Quiet Departures e la title-track daFluid Rustle.

NoteModifica

  1. ^ a b c Eberhard Weber, su allmusic.com. URL consultato il 28 settembre 2017.
  2. ^ Endless Days, PopMatters.com. URL consultato il 28 settembre 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN85520514 · ISNI (EN0000 0000 7839 7475 · LCCN (ENn84044284 · GND (DE134552040 · BNF (FRcb13901053z (data) · NLA (EN35213673 · WorldCat Identities (ENn84-044284