Apri il menu principale

Edoardo Arbib

patriota, politico e giornalista italiano
Edoardo Arbib

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XIII, XIV, XVI, XVII, XVIII
Circoscrizione Viterbo, Perugia II, Rieti

Senatore del Regno d'Italia
Legislature XXI

Dati generali
Professione Giornalista

Edoardo Arbib (Firenze, 27 luglio 1840Roma, 6 marzo 1906) è stato un patriota, politico e giornalista italiano.

Indice

Cenni biograficiModifica

Nato in una famiglia di origine ebraica, prese parte fra i Cacciatori delle Alpi alla seconda guerra di indipendenza (1859-1860), raggiunse Garibaldi in Sicilia dopo lo sbarco dei Mille, e rimase ferito alla battaglia di Milazzo, ricevendo una decorazione al valore. Combatté poi da sottotenente nell'esercito regolare nel corso della terza guerra di indipendenza (1866) sul fronte trentino, dove meritò una seconda decorazione.[1] Dimessosi dall'esercito raccolse la sua esperienza in L'esercito italiano e la campagna del 1866 (Firenze 1867).[1]

Apprezzato giornalista, fu corrispondente di guerra del quotidiano La Nazione (1863), della rivista Nuova Antologia (1890), direttore del giornale La Capitale (1899), poi redattore (1901), collaboratore e direttore del Corriere della Venezia, collaboratore e direttore della Gazzetta del Popolo di Roma[2], collaboratore de Il Giorno di Roma.[1]

Fondò a Roma il quotidiano, poi settimanale, La Libertà (1870), su posizioni moderate.[1]

Fu parlamentare dal 1879 al 1895 e senatore dal 1904 al 1906. A lui dobbiamo l'opera Cinquant'anni di storia parlamentare del Regno d'Italia (1898).

Scrisse inoltre alcuni romanzi d'appendice: La moglie nera (1874), Dopo il congedo (1894), Catene (1894), Le tre contesse (1896), Mogli oneste (1897).[1]

Fece parte della Massoneria[3].

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e DBI.
  2. ^ Gazzetta del popolo, su archiviocapitolinorisorsedigitali.it. URL consultato il 25 aprile 2019.
  3. ^ "Notizie dal Grand'Oriente (e dintorni)" su Sodalitium, n. 67, 2015, p. 26.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN262026567 · ISNI (EN0000 0004 2340 0402 · SBN IT\ICCU\LO1V\049383 · LCCN (ENno2014001516 · GND (DE1055098399 · BNF (FRcb10931851p (data) · BAV ADV10262527 · WorldCat Identities (ENno2014-001516