Apri il menu principale
Ritratto di Ekaterina Andreevna Ušakova, di Alexander Roslin, 1776.

Ekaterina Andreevna Ušakova, contessa Černyšëva (Екатерина Андреевна Ушакова coniugata Чернышёва) (San Pietroburgo, 22 ottobre 1715San Pietroburgo, 25 settembre 1779), è stata una nobildonna russa.

BiografiaModifica

Figlia unica del generale in capo, il conte Andrej Ivanovič Ušakov e della sua seconda moglie Elena Leont'evna Kokoškins. Suo padre era uno dei preferiti dello zar Pietro I. Durante il regno dell'imperatrice Anna, fu a capo della Cancelleria Segreta ed esercitò una grande influenza a corte.

Ekaterina crebbe nel lusso e divenne amica di Anna Leopoldovna Romanova.

MatrimonioModifica

Sposò, 26 maggio 1738, il conte Pëtr Grigor'evič Černyšëv (1712-1773). Ebbero undici figli ma solo sei raggiunsero l'età adulta:

All'inizio del 1741 durante il regno di Anna Leopoldovna, Černyšëv, su marito, fu nominato inviato straordinario presso la corte danese, e trasferito quasi subito in Prussia. Lei e suo marito viaggiarono in tutta Europa. Nel 1746 partirono da Berlino e raggiunse la corte del ducato di Anhalt-Zerbst, dove baciò le mani di Giovanna di Holstein-Gottorp, la futura madre dell'imperatrice Caterina. Nello stesso anno, l'imperatrice li mandò a Londra, dove rappresentarono la Russia per dieci anni, e nel 1760 andarono al corte di Parigi di Luigi XV.

Con la nomina, nel 1762, a senatore a suo marito, la famiglia ritornò in Russia. Si stabilirono a San Pietroburgo.

MorteModifica

Morì il 25 settembre 1779 per un colpo apoplettico.

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie