Elezioni parlamentari in Catalogna del 2017

Elezioni parlamentari in Catalogna del 2017
Stato Spagna Spagna
Comunità autonoma   Catalogna
Data
21 dicembre
Assemblea Parlamento della Catalogna
Affluenza 81,94% (Aumento 6,99%)
Dobles grados de las facultades de Derecho y Empresariales (34543100771) (cropped) 4.jpg
Puigdemont Cropped.jpg
Oriol Junqueras 2016b (cropped).jpg
Candidati
Liste
Voti
1.109.732
25,35%
948.233
21,66%
935.861
21,38%
Seggi
36 / 135
34 / 135
32 / 135
Distribuzione del voto
CataloniaProvinceMapParliament2017.png
Presidente della Generalitat
Quim Torra (JuntsxCat)
Left arrow.svg 2015 2021 Right arrow.svg

Le elezioni parlamentari in Catalogna del 2017 si tennero il 21 dicembre per il rinnovo del Parlamento; furono indette dal Presidente del Governo spagnolo Mariano Rajoy in applicazione dell'articolo 155 della Costituzione spagnola, dopo la rimozione del governo catalano allora in carica.

I tre partiti indipendentisti catalani, con il 47,5%, confermarono la maggioranza assoluta dei seggi parlamentari, ottenendone 70 su 135, ma non di voti.

ContestoModifica

Dopo le elezioni del 2015, i partiti indipendentisti catalani detenevano la maggioranza in Parlamento, ma il presidente in carica Artur Mas e la sua alleanza Junts pel Sí (JxSí) erano costituiti principalmente dalla Convergenza Democratica della Catalogna (CDC) e dalla Sinistra Repubblicana della Catalogna (ERC), supportati dalla Candidatura di Unità Popolare (CUP) per arrivare a una maggioranza. La decisione della CUP di votare contro la sua investitura costrinse Mas a ritirarsi per impedire una nuova elezione, con Carles Puigdemont, sindaco di Gerona, che era stato eletto presidente di una coalizione CDC-ERC. Poco dopo, CDC è stato rifondato come Partito Democratico Europeo Catalano (PDeCAT).

Il 27 ottobre 2017, in seguito al controverso referendum del 1º ottobre, la maggioranza indipendentista del Parlamento catalano ha votato a favore di una risoluzione per dichiarare unilateralmente l'indipendenza, poco prima che il Senato spagnolo votasse per applicare l'articolo 155 della Costituzione spagnola. Ciò ha permesso al Primo ministro Mariano Rajoy di licenziare il governo catalano e sciogliere il Parlamento catalano, convocando un'elezione regionale per il 21 dicembre. Con 36 seggi, il principale partito anti-indipendenza, Ciudadanos (Cs), è emerso come il maggiore del Parlament. Il Partito socialista di Catalogna (PSC) ha ottenuto risultati molto inferiori alle aspettative e ha aumentato il numero dei seggi di uno, mentre Catalunya en Comú-Podem, il braccio catalano di Podemos e di altre forze di sinistra, erede del precedente Catalunya Sí que es Pot, che non ha mai preso una posizione chiara sul tema, ha ricevuto il 7,5% dei voti e 8 seggi. A causa della performance combinata di Junts per Catalunya (JuntsxCat) di Puigdemont, di ERC e della CUP, le parti a sostegno dell'indipendenza hanno mantenuto la maggioranza nelle elezioni, il che significa che era matematicamente possibile per un governo di coalizione indipendentista tornare al potere, nonostante la maggioranza fosse stata ridotta di due seggi.

Grande perdente delle elezioni è stato il Partito Popolare (PP) di Rajoy, il cui netto calo elettorale - ridotto al 4,2% della quota e 4 su 135 seggi - significava che non sarebbe stato possibile formare un gruppo parlamentare nel Parlament per la prima volta nella storia.

RisultatiModifica

Liste Voti % Seggi
Ciudadanos 1.109.732 25,35 36
Junts per Catalunya 948.233 21,66 34
Sinistra Repubblicana di Catalogna - Catalogna Sì 935.861 21,38 32
Partito dei Socialisti di Catalogna 606.659 13,86 17
Catalunya en Comú-Podem (Podemos - Catalunya en Comú) 326.360 7,46 8
Candidatura di Unità Popolare 195.246 4,46 4
Partito Popolare 185.670 4,24 4
Partito Animalista Contro il Maltrattamento degli Animali 38.743 0,89 -
Recortes Cero - Gruppo Verde 10.287 0,24 -
Per un Mondo più Giusto 577 0,01 -
Totale candidature 135
Voti in bianco 19.431 0,44
Totale 4.376.799 100

NoteModifica


Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (ES) Risultati (PDF), su juntaelectoralcentral.es.