Apri il menu principale
Elio Giovannini

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IX
Gruppo
parlamentare
Sinistra Indipendente
Collegio Roma
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico SI
Professione sindacalista

Elio Giovannini (Roma, 20 dicembre 1929) è un politico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Cominciò l'attività politica aderendo al PSI con cui, da funzionario, venne inviato a ricoprire incarichi di direzione in alcune federazioni in giro per l’Italia.

Con la scissione del 1964 passò al PSIUP (Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria).

Dalla segreteria nazionale della FIOM seguì i settori industriali in espansione dovuta al nuovo modello di consumi delle famiglie italiane dopo il boom economico. Attività che lo portò a muoversi in diverse zone del paese, compreso il Mezzogiorno, dove sorgevano i nuovi stabilimenti dei grandi marchi.

Fu uno dei tre segretari che prese parte alla stesura delle tesi per lo storico congresso della FIOM del 1970.

Lasciata la FIOM entrò a far parte della segreteria confederale.

Il 13 aprile 1978 partecipa alla trasformazione da cartello elettorale a partito di Democrazia Proletaria. Vi confluiscono l'ala minoritaria del PdUP per il comunismo (rappresentata dalla corrente di sinistra formata degli ex- PSIUP Vittorio Foa e Silvano Miniati e dagli ex MPL Giovanni Russo Spena e Domenico Jervolino, l'area sindacale di Elio Giovannini, Antonio Lettieri e Gastone Sclavi), la maggioranza di Avanguardia Operaia, guidata da Massimo Gorla, Silverio Corvisieri e Luigi Vinci, e la Lega dei Comunisti, guidata da Romano Luperini.

Nel 1983 fu eletto con la Sinistra Indipendente divenendo membro del Parlamento italiano, Camera dei Deputati nella IX Legislatura (12/07/1983 - 01/07/1987). Membro dal 12 luglio 1983 al 1 luglio 1987 dell XII Commissione (industria e commercio - artigianato - commercio estero) e dal 26 luglio 1984 al 1 luglio 1987 membro della Commissione speciale per l'esame dei progetti di legge sulla riforma del sistema pensionistico, i cui lavori furono interrotti dalla fine della legislatura.

Esponente della "terza componente" nel direttivo della CGIL, terminato il mandato parlamentare fu nominato presidente dell'IRES, centro studi della CGIL.

OpereModifica

  • L'Italia massimalista. Socialismo e lotta sociale e politica nel primo dopoguerra italiano, Ediesse editore, Roma (2001)
  • 382 e riforma dello Stato, Editrice sindacale italiana, Roma (1977)

ScrittiModifica

Collegamenti esterniModifica


Controllo di autoritàLCCN (ENn81027330 · WorldCat Identities (ENn81-027330