Elio Marciano

giurista romano

Elio Marciano (in latino Aelius Marcianus; ... – ...; fl. II secolo circa) è stato un giurista romano dell'età dei Severi (tra il II e il III secolo) e la sua opera più importante sono i 16 libri di "Institutiones".

È l'unico a riportare tra le fonti di produzione normativa imperiale i "mandata": a non seguire il suo esempio sono altri due giuristi, Gaio ed Ulpiano (entrambi autori di manuali di istituzioni, rispettivamente appartenenti all'età degli Antonini e dei Severi) ancora troppo legati alle fonti di produzione normativa di matrice repubblicana (atti normativi, quindi, provenienti dai magistrati ordinari e non più dall'imperatore).

Insieme a Modestino, Marciano fu particolarmente attento alle esigenze dei nuovi cittadini dell'Impero romano: la sua attività si colloca, infatti, dopo l'editto di Caracalla del 212. Sue opere meno importanti sono i 5 libri di "Regulae", due "De appellationibus", due "De publicis iudiciis", un libro "Ad senatusconsultum Turpillianum" ed un altro "De delatoribus".

Note modifica


Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN290147266764235481286 · CERL cnp00402958 · LCCN (ENn90719961 · GND (DE119004828 · BNF (FRcb12215113t (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n90719961