Elsloo (Limburgo)

località dei Paesi Bassi
Elsloo
località, ex-comune
Elsloo/Aelse
Elsloo – Stemma
Elsloo – Veduta
Localizzazione
StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
ProvinciaFlag of Limburg (Netherlands).svg Limburgo
ComuneStein
Territorio
Coordinate50°57′01″N 5°46′07″E / 50.950278°N 5.768611°E50.950278; 5.768611 (Elsloo)Coordinate: 50°57′01″N 5°46′07″E / 50.950278°N 5.768611°E50.950278; 5.768611 (Elsloo)
Superficie8,6 km²
Abitanti7 260
Densità844,19 ab./km²
Altre informazioni
LingueOlandese, Limburghese
Cod. postale6181
Prefisso(+31)
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Paesi Bassi
Elsloo
Elsloo
Sito istituzionale
Elsloo: edifici storici sul Maasberg
Elsloo: edifici storici nella Dorpstraat
Elsloo: edifici storici nella zona Op de Berg
Elsloo: altri edifici storici nella zona Op de Berg
Elsloo: Chiesa di Sant'Agostino

Elsloo (in limburghese: Aelse[1]) è una località di circa 7.200 abitanti[2] del sud-est dei Paesi Bassi, facente parte della provincia del Limburgo e situata nella regione nota come Westelijke Mijnstreek[1] e lungo il corso del fiume Mosa, al confine con il Belgio[2][3]. Dal punto di vista amministrativo, si tratta di un ex-comune, dal 1982 inglobato (in gran parte) nella municipalità di Stein.[1][4]

Geografia fisicaModifica

Elsloo si trova nella parte sud-occidentale della provincia del Limburgo, a nord/nord-est di Maastricht e tra le località di Stein e Beek (rispettivamente a sud della prima e a nord-ovest della seconda).[3]

Origini del nomeModifica

Il toponimo Elsloo, attestato anticamente come Elisla (XII secolo)[1], Eleslo (1111)[1] ed Elso (1122)[1], è formato dai termini medio olandesi els, che significa "ontano" (alnus), e lo, termine che indica un "bosco in un alto terreno sabbioso".[1]

StoriaModifica

Dalla fondazione ai giorni nostriModifica

I primi insediamenti umani in loco risalgono al 5.000 a.C., ad opera di popolazioni appartenenti alla cultura della ceramica lineare.[1]

La prima menzione della località risale tuttavia al 964 in un documento dell'arcivescovo di Colonia.[4]

In seguito, Elsloo passò sotto il controllo dell'abbazia di San Pantaleone di Keulen e successivamente (a partire dal XII secolo) sotto il controllo dell'abbazia di Floresse (Vallonia).[4]

Intorno al 1150, i signori di Elsloo costruirono una fortezza, di cui ora rimangono solo alcuni resti.[4] In seguito, fu costruita una fortezza completamente nuova.[1]

Tra il XIV e il XV secolo, Elsloo divenne una signoria.[4] La signoria di Elsloo fu controllata da vari casati, tra cui quello di D'Arberg de Valengin (XVII secolo).[4]

Tra il 1450 e il 1600, Elsloo subì varie inondazioni, causate dall'esondazione del fiume Geul, che un tempo sfociava in loco nella Mosa.[1]

Nel 1982 Elsloo cessò di essere un comune a sé stante: gran parte del territorio comunale (780 ettari con 8.205 abitanti) andò a far parte della municipalità di Stein, mentre una piccola parte (40 ettari con 30 abitanti) fu inglobata nella municipalità di Beek.[1]

SimboliModifica

Nello stemma di Elsloo è raffigurata la Vergine Maria con il Bambin Gesù.[4]

Nella parte inferiore dello stemma, sono raffigurati due stemmi, tra cui quello dei signori di Elsloo, di colore giallo e rosso.[4]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Elsloo vanta uno dei centri storici meglio conservati dei Paesi Bassi[1] e 26 edifici classificati come rijksmonumenten[1].

Architetture religioseModifica

Chiesa di Sant'AgostinoModifica

Tra i principali edifici religiosi di Elsloo, figura la chiesa di Sant'Agostino, costruita tra il 1848 e il 1849 su progetto di J. Dumoulin.[5]

 
Elsloo: la chiesa di Sant'Agostino

Architetture civiliModifica

Castello di ElslooModifica

Altro edificio storico degno di nota è il castello di Elsloo, costruito nella forma attuale nel XVII secolo sulle rovine dell'antica fortezza (di cui rimane la torre) e ora trasformato in hotel.[6][7]

 
Il castello di Elsloo

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Al 1º gennaio 2015, la popolazione stimata di Elsloo era pari a circa 7.260 abitanti.[2]

CulturaModifica

MuseiModifica

Streekmuseum SchippersbeursModifica

Nell'ex-Schipperbeurs, un edificio di inizio XVII secolo in stile rinascimentale, trova posto lo Steekmuseum, un museo di storia locale, dove sono esposti, tra l'altro, manufatti della cultura della ceramica lineare.[1][8]

Geografia antropicaModifica

Suddivisioni amministrativeModifica

Buurtschappen[1]
  • Catsdorp
  • Terhagen

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (NL) Elsloo LB, Plaatsengids. URL consultato il 10 ottobre 2016.
  2. ^ a b c (DE) Elsloo, City Population. URL consultato il 12 ottobre 2016.
  3. ^ a b Harmans, Gerard M.L. (a cura di), Olanda, Dorling Kindersley, London, 2003 - Mondadori, Milano, 2003, p. 368
  4. ^ a b c d e f g h (NL) Elsloo, Nederlandse Gemeentewapens. URL consultato il 10 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2016).
  5. ^ (NL) Augustinuskerk, Kerkgebouwen in Limburg. URL consultato il 12 ottobre 2016.
  6. ^ (NL) Historie Kasteel Elsloo (PDF), Kasteel Elsloo. URL consultato il 10 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2016).
  7. ^ (NL) Kasteel Elsloo, Absolute Facts. URL consultato il 12 ottobre 2016.
  8. ^ Harmans, M.L., op. cit., p. 379

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Paesi Bassi: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Paesi Bassi