Apri il menu principale
Emilio Patrissi
Emiliopatrissi.jpg

Deputato dell'Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
Liberale Democratico dell'Uomo Qualunque (dal 6 luglio 1946 al 15 luglio 1946), Misto (dal 15 luglio 1946 al 15 novembre 1947), Nazionale (dal 15 novembre 1947 al 31 gennaio 1948)
Collegio Collegio unico nazionale
Incarichi parlamentari
  • Capogruppo del gruppo parlamentare dell'Unione nazionale dal 15 novembre 1947
  • Componente della Commissione per i trattati internazionali (19 luglio 1946 - 31 gennaio 1948)
  • Componente della Seconda Commissione per l'esame dei disegni di legge (24 settembre 1946 - 22 aprile 1947)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Fronte dell'Uomo Qualunque
Titolo di studio Laurea in economia e commercio
Professione insegnante

Emilio Patrissi (Palermo, 19 novembre 1910Roma, 8 gennaio 1980) è stato un politico, docente di matematica finanziaria italiano.

BiografiaModifica

Laurea in economia e commercio. Insegnante.

Fondatore con Alfredo Covelli della Concentrazione Nazionale Democratica Liberale tra il 1944 e il 1945, ne divenne segretario. Fu chiamato nel settembre 1945 come deputato della Consulta Nazionale. Alle elezioni politiche del giugno 1946 però si candidò con Fronte dell'Uomo Qualunque e fu eletto deputato all'Assemblea Costituente.

Nel luglio 1947 si sfidò a duello con Paolo Treves, ma nessuno dei due rimase ferito[1].

Leader dell'ala destra del partito, ruppe con Guglielmo Giannini e fondò nel settembre 1947 il Movimento nazionalista per la democrazia sociale" [2]. Nel novembre 1947 passò nell'Unione Nazionale, di cui fu capogruppo [3].

Alle politiche del 1948 si candidò nel suo Movimento nazionalista per la democrazia sociale, ma non fu eletto [4].

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica