Enea Vico

incisore e numismatico italiano
Dipinto di Enea Vico del 1542 dal titolo The Siege of Buda and Pest

Enea Vico (Parma, 29 gennaio 1523Ferrara, 18 agosto 1567) è stato un incisore e numismatico italiano.

Nasce da famiglia nobile, la madre muore alla nascita di Enea e il padre muore quando lui ha 2 anni.[1]Iniziò da giovane a Parma e a Roma, poi passò a Firenze, Venezia e infine nel 1563 alla corte di Alfonso II d'Este a Ferrara, facendo circa 500 incisioni.[2] Pubblicò vari libri, tra cui Donne Auguste, pubblicato durante il soggiorno alla corte di Augusta, in Baviera, nel 1550. Fu anche un noto numismatico. Muore il 17 agosto[3] o il 18 agosto[4] nel Palazzo Ducale di Ferrara. Fu tra gli affiliati all'Accademia dei Pellegrini di Venezia.

PubblicazioniModifica

  • Le immagini degli imperatori, 1548 (insieme a Antonio Zantani)
  • Donne Auguste, 1550/1551
  • Immagini delle Donne Auguste, 1557
  • Discorsi di M. Enea Vico Parmigiano sopra le medaglie de gli antichi, 1558
  • Tavola Isiaca, 1559
  • Commentari alle antiche medaglie degli imperatori romani, 1560

NoteModifica

  1. ^ Numismatica e antichità classiche, Arti Grafiche Gaggini-Bizzozero, 1995
  2. ^ Enea Vico su treccani.it
  3. ^ Giulia Bodon, Enea Vico fra memoria e miraggio della classicità, 1997, 303 pagine
  4. ^ Enea Vico su answers.com

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN22223903 · ISNI (EN0000 0001 2099 8283 · SBN IT\ICCU\BVEV\033280 · LCCN (ENn88640605 · GND (DE119099950 · BNF (FRcb12388788q (data) · ULAN (EN500011571 · BAV ADV11206443 · CERL cnp01241051 · WorldCat Identities (ENn88-640605