Apri il menu principale
Mescita di vino rosso, Tacuinum sanitatis casanatensis (XIV secolo)

L'enolito, detto anche vino medicinale, è una soluzione che si ottiene dalla macerazione nel vino di parti essiccate di alcune piante medicinali.

Per realizzare queste composizioni, i vini maggiormente preferibili sono quelli bianchi, possibilmente aventi un alto grado alcolico, oppure quelli liquorosi. Si possono utilizzare sia vini vecchi sia giovani. I più indicati sono: marsala, vernaccia di Oristano, barolo, barbaresco.[1]

NoteModifica

  1. ^ "Le piante medicinali", di Roberto Michele Suozzi, Newton&Compton, Roma, 1994, pag.22

BibliografiaModifica

  • Roberto Michele Suozzi, E.Alicicco, Manualke pratico di erbe medicinali, Roma, Newton&Compton, 1986.
  • B. Anzalone, Botanica farmaceutica, L'Aquila, Japadre, 1976.
  • R. Benigni, C.Capra; P.E.Cattorini, Piante medicinali, chimica, farmacologica e terapia, Milano, Inverni e della Beffa, 1962.
  • A cura dell'Orto botanico di Ginevra, Farmaci della Natura, Milano, Xenia, 1991.

Voci correlateModifica