Episodi di 6 passi nel giallo

lista di episodi

1leftarrow blue.svgVoce principale: 6 passi nel giallo.

La prima e unica stagione della serie antologica 6 passi nel giallo è stata trasmessa in prima visione in Italia da Canale 5 dal 22 febbraio al 28 marzo 2012.

Titolo Prima TV Italia
1 Presagi 22 febbraio 2012
2 Sotto protezione 29 febbraio 2012
3 Souvenirs 7 marzo 2012
4 Gemelle 14 marzo 2012
5 Omicidio su misura 21 marzo 2012
6 Vite in ostaggio 28 marzo 2012

PresagiModifica

TramaModifica

La medium Annalisa Dossi sogna una bambina, inseguita e uccisa da un uomo vestito di nero. La donna decide di andare alla polizia, ma l'unica persona che le crede è Harry Chase, un ex agente dell'FBI. Sebbene il commissario non sia troppo convinto, Harry indaga e scopre che la bambina del sogno è in effetti scomparsa. Grazie ad Annalisa riesce a trovare il luogo dove la piccola, vittima di un maniaco, è stata sotterrata dopo essere stata uccisa. Intanto Harry ha un flirt con Annalisa e i due passano la notte insieme. Mentre la bambina di Annalisa è ospite di Valeria, una signora benestante con giardiniere e autista personale, la piccola è molestata dal maniaco. Riesce però a nascondersi e telefona ad Harry, che interviene e uccide l'assassino.

Sotto protezioneModifica

TramaModifica

Una ragazza di 17 anni viene uccisa e, creduto colpevole, viene arrestato il cugino di lei. Un anno dopo una giornalista ambiziosa tenta di far luce sull'evento, ma viene aggredita in casa sua...

SouvenirsModifica

TramaModifica

Un profiler, Sebastian Brody, e sua moglie vengono aggrediti nella loro casa da un criminale che Brody aveva fatto arrestare anni prima e che poi era evaso. L'aggressore uccide la moglie di Brody e lui si vendica. Per dimenticare tutto si trasferisce in un'altra città, ma nella sua nuova casa trova, in una cantina, una valigetta contenente alcuni "souvenirs" (ciocche di capelli) delle varie vittime di un serial killer, conosciuto come "L'Acconciatore". Questo killer da 25 anni non agisce più e aveva all'epoca ucciso sei giovani donne, belle e con un elemento comune: avevano tutte lunghi capelli scuri. Curiosamente la scoperta dei macabri reperti sembra avere un nesso con gli omicidi di due giovani donne, trovate nel giro di pochi giorni uccise secondo il "modus operandi" dell'Acconciatore. Brody, seppure non troppo contento, si lascia convincere dall'ispettrice Leoni, sorella di una delle vittime di 25 anni prima, ad aiutare la Polizia nelle indagini concernenti i nuovi e i vecchi delitti.

GemelleModifica

TramaModifica

 
Daniele Pecci (a destra) in una scena del film TV

Angela Wyler, trasferitasi in Italia dagli Stati Uniti, chiede aiuto al commissario Valerio Strada per trovare la sregolata sorella gemella Christine, vecchia fiamma dell'uomo e tossicodipendente, della quale non ha più notizie da quando, sei mesi prima, litigarono perché Christine aveva cercato di sedurre il nuovo marito di Angela, Marc Douglas. Mentre cominciano le ricerche, Christine rintraccia e uccide tre uomini che alcune sere prima l'avevano violentata, e come ultimo crimine toglie la vita anche a Marc. Valerio scopre però che in realtà la colpevole è sempre stata Angela, che aveva ucciso la gemella per errore sei mesi prima quando questa, nel tentativo di convincerla a non partire per New York, le aveva detto di sapere del suo piano per avvelenare Marc e impossessarsi dei suoi milioni. A causa degli omicidi commessi, Angela viene internata in un manicomio, mentre, per colpa di un disturbo dissociativo della personalità, crede sempre più fermamente di essere Christine.

Omicidio su misuraModifica

TramaModifica

Durante la presentazione del suo ultimo romanzo, lo scrittore di gialli Randy Williams incontra una sua ammiratrice di nome Michelle, con la quale trascorre la notte a bordo di uno yacht. Dopo aver salutato la donna, Randy rientra a casa, dove trova la moglie Isabel morta in piscina, assassinata con un colpo di pistola. Dopo aver chiamato i soccorsi, l'uomo viene interrogato da Andy Cassar e Sean Woods, gli investigatori incaricati del caso, a cui rivela di avere un alibi, rappresentato da Michelle. La donna però non si trova e Randy, dopo essere sfuggito ad un'aggressione, si rende conto che la morte di Isabel è stata inscenata esattamente come descritta in un suo manoscritto. L'improvviso ritorno di Michelle, il cui vero nome è Lola, permetterà di fare luce sulla faccenda.

Vite in ostaggioModifica

TramaModifica

A Malta, due uomini di nome Mathias e Kyle sono protagonisti di una rapina all'interno di una discoteca. I due, dopo aver ucciso il figlio del titolare, fuggono con la refurtiva insieme al loro complice Gabriel. Nel tentativo di evitare un posto di blocco, i tre hanno un incidente automobilistico, che fa perdere loro la refurtiva nei dintorni della casa di Dave McBain. Messi alle strette dalla polizia, i rapinatori decidono di irrompere a casa McBain per prendere tempo. Dopo aver preso in ostaggio Dave, la moglie Giovanna e i figli Thomas ed Alice però, gli equilibri tra i tre iniziano a vacillare, anche per colpa delle ferite riportate da Mathias, il capo della banda. Kyle, il più pericoloso dei malviventi, inizia quindi ad avere campo libero anche con gli ostaggi, che vedono messa a repentaglio la loro stessa vita. Dave però nasconde alcuni segreti ed è pronto a fare qualunque cosa per salvare la vita alla sua famiglia.

NoteModifica

  1. ^ Gianluca Camilleri, Ascolti TV di mercoledì 22 febbraio 2012, in davidemaggio.it, 23 febbraio 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.
  2. ^ Gianluca Camilleri, Ascolti TV di mercoledì 29 febbraio 2012, in davidemaggio.it, 1º marzo 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.
  3. ^ Thomas Tonini, Ascolti TV di mercoledì 7 marzo 2012, in davidemaggio.it, 8 marzo 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.
  4. ^ Thomas Tonini, Ascolti TV di mercoledì 14 marzo 2012, in davidemaggio.it, 15 marzo 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.
  5. ^ Thomas Tonini, Ascolti TV di mercoledì 21 marzo 2012, in davidemaggio.it, 22 marzo 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.
  6. ^ Gianluca Camilleri, Ascolti TV di mercoledì 28 marzo 2012, in davidemaggio.it, 29 marzo 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.

Collegamenti esterniModifica