Era mio nemico

film del 2017 diretto da Bille August
Era mio nemico
Titolo originaleThe Chinese Widow
Lingua originalemandarino
Paese di produzioneCina
Anno2017
Durata97 min
Rapporto2,40:1
Generedrammatico, storico, guerra, sentimentale
RegiaBille August
SceneggiaturaMabel Cheung, Greg Latter
ProduttoreCatharine Lin
Produttore esecutivoPeng Sun
Casa di produzioneZhejiang Roc Pictures
FotografiaFilip Zumbrunn
MontaggioGerd Tjur
Effetti specialiDanny S. Kim, Sunny Sung-Yong Park
MusicheAnnette Focks
Interpreti e personaggi

Era mio nemico (The Chinese Widow) conosciuto anche come In Harm's Way e The Hidden Soldier è un film del 2017 diretto da Bille August.[1] Il film è stato presentato al Shanghai International Film Festival[2] e distribuito il 10 novembre 2017 in Cina.

TramaModifica

Il film è ambientato durante la Seconda guerra mondiale e segue la storia del giovane pilota americano Jack Turner. Dopo il bombardamento di Pearl Harbor il morale degli americani si abbassa drasticamente, mentre Roosevelt, il presidente degli Stati Uniti, ordina un attacco aereo su Tokyo. A guidare questa spedizione è il sottotenente Jimmy Doolittle, mentre Turner pilota uno degli aerei. Jack, insieme al suo equipaggio, parte verso Tokyo, sicuro di poter atterrare poi a Cho-kiang, in Cina. I soldati cinesi, però, non informati dell'attacco, pensano che gli aerei siano giapponesi e ne impediscono l'atterraggio. L'equipaggio di Turner è costretto a mettersi in salvo con i paracadute, dato che l'aereo sta finendo il carburante e l'aeroporto più vicino è troppo distante. Jack è l'ultimo a lasciare il veicolo, che precipita poi in un campo vicino ad un povero paese cinese. Il paracadute di Turner si incastra però tra i rami di un albero e il pilota si ferisce gravemente una gamba. Il mattino seguente, Nunu, una bambina di una decina di anni, figlia della vedova Ying, lavoratrice di seta, vede Jack ferito attaccato all'albero e, spaventata, chiama la madre. Ying, rimasta vedova dopo la morte del marito avvenuta in guerra, chiama Kai, il capovillaggio e suo amico d'infanzia. I tre si rendono subito conto che il soldato è americano e decidono di nasconderlo in una grotta vicina, fino a quando non si sarebbe ripreso. Il giorno dopo, Ying gli porta del cibo, ritrovandolo sveglio, anche se ferito. La donna, però, spaventata, fugge subito, lasciando dei viveri in una borsa di seta da lei ricamata. Nel villaggio arrivano le truppe giapponesi, guidate dal comandante Shimamoto, che cercano i soldati americani per catturarli ed ucciderli. Il comandante giapponese raduna tutti gli abitanti del villaggio, credendo che l'americano sia tenuto nascosto da qualche abitante. Nessuno dei cinesi, però, rivela nulla e quindi Shimamoto decide di uccidere Kai, a causa della mancata collaborazione da parte del suo popolo. Ying e Nunu rimangono molto scosse dalla morte del capovillaggio, ma sono ancora più decise a salvare Turner, dato che Kai è morto piuttosto che rivelare il posto dove si trovasse. Il pomeriggio stesso, Ying si reca nella grotta dove Jack è nascosto e lo aiuta a camminare fino a casa sua, capendo che, se fosse rimasto nella foresta, le truppe giapponesi lo avrebbero trovato. Arrivati a casa, Ying fa nascondere Turner in cantina, raggiungibile solamente con una botola segreta. Quella sera, la giovane vedova prepara dei medicinali naturali in modo da disinfettare la grave ferita che il pilota ha sulla gamba e riesce anche a curarlo dalla febbre alta. Per Nunu diventa difficile non dire a nessuno della presenza dell'americano, soprattutto quando, mentre è a scuola, Shimamoto si presenta dal maestro della piccola per chiedere se lui o i bambini fossero a conoscenza del proprietario della borsa ritrovata nella grotta. Nunu, ovviamente, non rivela al capitano che la borsa è di sua madre, ma Shimamoto sospetta comunque che la bambina nasconda qualcosa. La sera stessa, il giapponese si presenta a casa di Ying per domandare della borsa, ma, senza successo, torna all'accampamento. Jack, intanto, inizia ad uscire dalla cantina anche di giorno, seppure pericoloso per lui e per la famiglia che lo nasconde e, dopo una discussione con Ying, arrivano a decidere che scenderà in cantina solo di notte o nel caso arrivi qualcuno a fare visita. Ying procura poi al pilota dei vestiti di suo marito, in modo che si possa lavare e cambiare. Turner aiuta Nunu a fare i compiti e le insegna a fischiare una canzoncina americana, mentre Ying costruisce con del bambù una stampella, in modo da permettere a Jack di camminare. Un giorno, Shimamoto si presenta nuovamente a casa della vedova mentre, fortunatamente, l'americano è in cantina. Il giapponese ordina a Ying di spogliarsi, mostrando non amore, ma piuttosto crudeltà. Con il rifiuto da parte della cinese alla richiesta del comandante, Shimamoto inizia a picchiarla, ma tutto finisce quando Jack, da una piccola fessura che c'è nella botola, spara un colpo con la pistola che aveva nell'uniforme, uccidendo Shimamoto. I due decidono di nascondere il corpo in cantina, anche se questo significa che Jack non è più al sicuro. Intanto, Nunu a scuola fischi la canzoncina che Turner le ha insegnato, scatenando la curiosità del maestro, che capisce tutto. L'insegnante accompagna Nunu a casa, rendendosi conto che l'americano è davvero tenuto nascosto da Ying, promette loro di aiutarlo, essendo un ribelle, facendolo scappare a Cho-kiang, attraverso il fiume poco distante. I due capiscono che si possono fidare e decidono di mostrargli anche Shimamoto. Il maestro dice che allora sarebbero dovuti scappare anche Ying e Nunu. Il mattino seguente, i giapponesi iniziano a entrare in ogni casa, alla ricerca di Shimamoto, ma Turner e la cinese con la figlia sono già in viaggio, anche se notevolmente rallentanti dalla camminata di Jack, ancora ferito. Poco dopo incontrano il gruppo di ribelli che non solo li scorterà fino a destinazione, ma che possiede anche una specie di barella per Turner, in modo da velocizzare i tempi. Poco dopo i ribelli si scontrano con i giapponesi e le perdite da entrambi gli schieramenti sono numerose, ma anche per vantaggio numerico, i giapponesi ne risentono meno. I ribelli finiscono per morire tutti, tranne Jack, Nunu e Ying. Quest'ultima deve aiutare l'americano a camminare, dato che la barella è stata distrutta e perciò invita la figlia a correre verso la barca, mentre i giapponesi si avvicinano sempre di più. A qualche metro dalla riva, uno dei due ribelli che aspettavano sulla barca, corre a sostituire Ying, in modo che lei possa correre dietro alla figlia. Proprio poco prima di raggiungere la barca, un giapponese spara il colpo che ucciderà la giovane vedova. Jack, disperato, cerca di correre per salvarla, ma non ci riesce e viene portato sulla barca insieme a Nunu, anche lei disperata per la perdita della madre. Il film torna al presente, essendo il racconto di quello che è successo in Cina che Jack fa ai comandanti dell'esercito americano, mentre il pilota è in un ospedale militare. Turner vuole inoltre adottare la piccola Nunu, ma gli viene impedito dato che lui dovrà ripartire con l'esercito, appena le condizioni della sua gamba lo avrebbero permesso. Il film si conclude con Jack, ormai anziano, che scrive una lettera a Nunu, ricordando il giorno del loro incontro, avvenuto ormai 50 anni fa.

DistribuzioneModifica

Il film è stato distribuito in Cina il 10 novembre 2017, negli Stati Uniti il 2 novembre 2018 e in Francia il 14 novembre 2018.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica