Apri il menu principale

Ercole Graziani

Pittore italiano del XVII-XVIII secolo

BiografiaModifica

 
Cividale del Friuli, Altare di San Giovanni in Valle con pala di Ercole Graziani.

Fu allievo di Donato Creti, con il quale fu spesso confuso, esordì con opere che sono fedeli alle idealizzazioni formali del maestro: esempi di questa fase sono Lot e le sue figlie e Susanna con i vecchioni, entrambe le opere sono conservate alla Pinacoteca Nazionale di Bologna. Successivamente si avvicina al Pasinelli, maestro del Creti, con una produzione pittorica di derivazione neoveronesiana con interpretazioni più sentimentali.

Negli anni trenta del XVIII secolo Graziani produsse i suoi lavori più importanti sia nel genere sacro (come la Madonna con Bambino e sant'Irene, ora a Bruxelles) che profano. Nei decenni successivi seguì prima una fase accademizzante, come nel Battesimo di Cristo eseguito per la cattedrale di San Pietro a Bologna e i due dipinti per il Conservatorio di Santa Marta, poi una fase in cui gli eventi vengono interpretati in una chiave dimessa, come esemplificato dal maestro Daniele Crespi, tipico riferimento è San Mauro guarisce gli storpi della chiesa di San Procolo a Bologna.

A Roma nella Basilica di Santa Maria degli Angeli, Cappella del Beato Niccolò Albergati, è il dipinto sull'altare dal titolo Un miracolo del beato Niccolò Albergati.

Tra i suoi discepoli vanno ricordati Antonio Concioli e Carlo Bianconi.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN27975722 · ISNI (EN0000 0000 6681 3371 · GND (DE123307392 · ULAN (EN500031243 · WorldCat Identities (EN27975722