Eriberto di Wetterau

aristocratico tedesco

Eriberto di Wetterau (930 circa – 992) fu un importante nobile della Germania centrale e leader dei Corradinidi.

BiografiaModifica

Eriberto era figlio di Odo di Wetterau e una figlia (presumibilmente chiamato Cunigonda) di Erberto I, conte di Vermandois e Berta di Morvis.

Dopo la morte di suo padre Odo di Wetterau nel 949, Eriberto divenne conte di Kinziggau, Engersgau e Wetterau. Ereditò anche il castello di Gleiberg, arroccato su basalto nella moderna Giessen. Nel 976 Eriberto ottenne la contea di Gleiberg. Eriberto ottenne anche il titolo di conte palatino. Nel 981 seguì l'imperatore Ottone II in Italia e nel 982 prese parte alla disastrosa battaglia di Stilo contro i saraceni.

Matrimonio e figliModifica

Sposò Irmtrud di Avalgau (957 – 1020), figlia di Megingaudo e Gerberga (figlia di Goffredo, conte palatino di Lotaringia e di Ermentrude, figlia di Carlo il Semplice e nipote di Ottone I, duca di Sassonia). Essi ebbero i seguenti figli:

NoteModifica

  1. ^ a b Tietmaro, Tavola genealogica XII, in Cronaca di Tietmaro, Fonti tradotte per la storia dell'Alto Medioevo, traduzione di Matteo Taddei, Pisa University Press, p. 318, ISBN 978-8833390857.