Età delle esplorazioni scientifiche

L'età delle esplorazioni scientifiche seguì l'età delle scoperte[1] e fu ispirata da una nuova fiducia nella scienza e nella ragione che sorse nell'età dell'Illuminismo. Le spedizioni marittime nell'era delle scoperte erano un mezzo per espandere gli imperi coloniali, stabilire nuove rotte commerciali ed estendere le relazioni diplomatiche e commerciali a nuovi territori, ma con l'Illuminismo la curiosità scientifica divenne un nuovo motivo di esplorazione da aggiungere alle ambizioni commerciali e politiche del passato.[2]

Esplorazioni nell'età delle scoperteModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Età delle scoperte.

Dall'inizio del XV secolo all'inizio del XVII secolo l'Era della scoperta aveva, attraverso marinai spagnoli e portoghesi, aperto agli occhi europei l'Africa meridionale, le Americhe (Nuovo Mondo), l'Asia e l'Oceania: Bartolomeo Dias aveva navigato intorno al Capo del sud l'Africa alla ricerca di una rotta commerciale per l'India; Cristoforo Colombo, in quattro viaggi attraverso l'Atlantico, aveva preparato la via alla colonizzazione europea del Nuovo Mondo; Ferdinando Magellano aveva comandato la prima spedizione a navigare attraverso gli oceani Atlantico e Pacifico per raggiungere le Isole Molucche ed è stata continuata da Juan Sebastián Elcano, completando la prima circumnavigazione della Terra. Durante il XVII secolo l'egemonia navale iniziò a spostarsi dai portoghesi e spagnoli agli olandesi e poi agli inglesi e ai francesi. La nuova era dell'esplorazione scientifica iniziò alla fine del XVII secolo quando gli scienziati, e in particolare gli storici naturali, fondarono società scientifiche che pubblicavano le loro ricerche su riviste specializzate. La British Royal Society fu fondata nel 1660 e incoraggiò il rigore scientifico dell'empirismo con i suoi principi di attenta osservazione e deduzione. Le attività dei primi membri della Royal Society servirono da modello per le successive esplorazioni marittime. Hans Sloane (1650–1753) fu eletto membro nel 1685 e viaggiò in Giamaica dal 1687 al 1689 come medico del duca di Albemarle (1653–1688) che era stato nominato governatore della Giamaica. In Giamaica Sloane raccolse numerosi esemplari che furono accuratamente descritti e illustrati in un resoconto pubblicato del suo soggiorno.[3] Sloane lasciò in eredità la sua vasta collezione di "curiosità" di storia naturale e la biblioteca di oltre 50.000 volumi rilegati alla nazione, spingendo l'istituzione nel 1753 del British Museum. I suoi viaggi lo resero anche un uomo estremamente ricco poiché brevettò una ricetta che combinava il latte con il frutto di Theobroma cacao (cacao) che vedeva crescere in Giamaica, per produrre cioccolato al latte. Libri di illustri personaggi sociali come il commentatore intellettuale Jean Jacques Rousseau, direttore del Museo di Storia Naturale di Parigi Comte de Buffon, e scienziati-viaggiatori come Joseph Banks e Charles Darwin, insieme ai romantici e spesso fantasiosi diari di viaggio di intrepidi esploratori, aumentarono il desiderio dei governi europei e del pubblico in generale per informazioni accurate sulle terre lontane appena scoperte.[4]

Una delle prime spedizioni francesi sulle coste dell'Africa, del Sud America e attraverso lo Stretto di Magellano fu fatta da uno squadrone di navi da guerra francesi sotto il comando di M. de Gennes nel 1695-1697. Il giovane esploratore, ingegnere e idrografo francese François Froger descrisse questa spedizione nel suo A Relation of a Voyage (1699).

Esplorazioni scientificheModifica

Nel XVIII secolo l'esplorazione marittima era diventata più sicura ed efficiente con innovazioni tecniche che miglioravano notevolmente la navigazione e la cartografia: furono apportati miglioramenti al teodolite, all'ottante, agli orologi di precisione, nonché alla bussola, al telescopio e alle tecniche generali di costruzione navale. Dalla metà del XVIII secolo fino al XIX secolo le missioni scientifiche mapparono le regioni appena scoperte, riportarono in Europa la fauna e la flora appena scoperte, fecero osservazioni idrologiche, astronomiche e meteorologiche e migliorarono i metodi di navigazione. Ciò ha stimolato grandi progressi nelle discipline scientifiche di storia naturale, botanica, zoologia, ittiologia, conchologia, tassonomia, medicina, geografia, geologia, mineralogia, idrologia, oceanografia, fisica, meteorologia, ecc. - tutte cose che contribuiscono al senso di "miglioramento" e "progresso" che caratterizzò l'Illuminismo. Spesso queste missioni hanno riunito ricercatori diversi di diversa provenienza etnica e regionale, creando così una "cultura transnazionale delle competenze".[5] Gli artisti venivano usati per registrare paesaggi e popolazioni indigene, mentre gli illustratori di storia naturale catturavano l'aspetto degli organismi prima che si deteriorassero dopo la raccolta.[6] In questo periodo furono prodotte alcune delle migliori illustrazioni di storia naturale del mondo e gli illustratori cambiarono da dilettanti informati a professionisti pienamente formati, consapevoli della necessità di accuratezza scientifica.[7]

Entro la metà del 19º secolo tutte le maggiori masse continentali del mondo, e la maggior parte di quelle minori, erano state scoperte dagli europei e le loro coste tracciate.[8] Ciò segnò la fine di questa fase della scienza poiché la Challenger Expedition del 1872-1876 iniziò ad esplorare i mari profondi oltre una profondità di 20 o 30 metri. Nonostante la crescente comunità di scienziati, per quasi 200 anni la scienza è stata appannaggio di facoltosi dilettanti, classi medie istruite e religiosi.[6] All'inizio del XVIII secolo la maggior parte dei viaggi furono organizzati e finanziati privatamente, ma nella seconda metà del secolo queste spedizioni scientifiche, come i tre viaggi nel Pacifico di James Cook sotto gli auspici dell'Ammiragliato britannico, furono istigate dal governo.[7] Alla fine del XIX secolo, quando questa fase della scienza stava volgendo al termine, divenne possibile guadagnarsi da vivere come scienziato professionista sebbene la fotografia iniziasse a sostituire gli illustratori. Il veliero esplorativo si era gradualmente evoluto nelle moderne navi da ricerca. D'ora in poi le ricerche marittime nelle nuove colonie europee in America, Africa, Australia, India e altrove, saranno svolte da ricercatori all'interno degli stessi territori occupati.[8]

CronologiaModifica

Questo compendio di viaggi di esplorazione scientifica fornisce una panoramica della ricerca scientifica marittima svolta al tempo dell'Illuminismo in Europa. I giornali e i resoconti pubblicati sono inclusi nei singoli viaggi.

  • 1735–1739: French Geodesic Mission
  • 1764–1766: HMS Dolphin
  • 1766–1768: HMS Dolphin and HMS Swallow
  • 1766: HMS Niger
  • 1766–1769: La Boudeuse and L'Étoile
  • 1768–1771: HMS Endeavour
  • 1771–72: Isle de France and Le Nécessaire
  • 1772: Sir Lawrence
  • 1772–1775: HMS Resolution and HMS Adventure
  • 1771–72: La Fortune and Le Gros-Ventre
  • 1773: HMS Racehorse and HMS Carcass
  • 1773–74: Le Roland and L'Oiseau
  • 1776–1780: HMS Resolution and HMS Discovery
  • 1785–1788: La Boussole e L'Astrolabe
  • 1785–1788: King George
  • 1785–1794: Slava Rossii
  • 1790–91: La Solide
  • 1789–1794: Descubierta and Atrevida
  • 1791–1794: La Recherche and L'Espérance
  • 1791–1793: HMS Providence
  • 1791–1795: HMS Discovery and HMS Chatham
  • 1800–1804: Le Géographe e Le Naturaliste
  • 1801–1803: HMS Investigator
  • 1803–1806: Nadezhda and Neva
  • 1815–1818: Rurik
  • 1817–1820: L'Uranie and La Physicienne
  • 1819–1821: Le Rhône and La Durance
  • 1822–1825: La Coquille
  • 1823–1826: Predpriyatiye
  • 1824–25: HMS Blonde
  • 1824–1826: Le Thétis and L'Espérance
  • 1825–1828: HMS Blossom
  • 1825–1830: HMS Adventure and HMS Beagle
  • 1826–1829: L'Astrolabe
  • 1826–1829: Senyavin and Moller
  • 1827–28: La Chevrette
  • 1828: Ms. Korvet Triton
  • 1829: La Cybèle
  • 1829–1832: La Favorite
  • 1831–1836: HMS Beagle
  • 1835 and 1836: La Recherche
  • 1836–1839: Vénus
  • 1836–37: La Bonite
  • 1836–1842: HMS Sulphur
  • 1837–1840: L'Astrolabe and La Zélée
  • 1837–1843: HMS Beagle
  • 1838–1842: USS Vincennes and USS Peacock
  • 1839–1843: HMS Erebus and HMS Terror
  • 1841–1844: La Favorite
  • 1842–1846: HMS Fly
  • 1845–1847: HDMS Galathea
  • 1846–1850: HMS Rattlesnake and HMS Bramble
  • 1851–1854: Capricieuse
  • 1851–1853: Eugenie
  • 1852–1863: HMS Herald
  • 1853–1855: USS Vincennes and USS Porpoise
  • 1857–1860: SMS Novara
  • 1860: HMS Bulldog
  • 1865–1868: Magenta
  • 1865: HMS Curacoa
  • 1868 and 1869–1870: HMS Lightning and HMS Porcupine
  • 1873–1876: HMS Challenger
  • 1875–76: HMS Alert and HMS Discovery
  • 1881: USRC Thomas Corwin
  • 1882–83: La Romanche
  • 1882–1885: Vettor Pisani
  • 1886–1896: USS Albatross
  • 1897–98: Lila and Mattie
  • 1897–98: Belgica
  • 1898–99: Valdivia

NoteModifica

  1. ^ Brosse, 1983, pp. 9–11.
  2. ^ Hackett, Louis, The age of Enlightenment, su history-world.org, 1992. URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2008).
  3. ^ SeeSloane, 1707–1725
  4. ^ See Speake, 2003
  5. ^ Daum, 2019.
  6. ^ a b Rice, 2010, p. 320.
  7. ^ a b Rice, 2010, p. 10.
  8. ^ a b Rice, 2010, p. 290.

BibliografiaModifica

  • Bauchot, Marie-Louise; Daget, Jacques & Bauchot, Roland (1997). "Ichthyology in France at the Beginning of the 19th Century: The Histoire Naturelle des Poissons of Cuvier (1769–1832) and Valenciennes (1794–1865)". In Collection Building in Ichthyology and Herpetology (Pietsch T.W. & Anderson W.D., eds), American Society of Ichthyologists and Herpetologists: 27–80. ISBN 0-935868-91-7
  • Broc, Numa (1988,1992,1999,2003). Dictionnaire illustré des explorateurs et grands voyageurs français du XIXe siècle. 4 vols, Éditions du Comité des Travaux historiques et scientifiques (Paris. ISBN 2-7355-0158-2,ISBN 2-7355-0233-3,ISBN 2-7355-0391-7,ISBN 2-7355-0461-1
  • Jacques Brosse, Great Voyages of Exploration. The Golden Age of Discovery in the Pacific. Transl. Stanley Hochman, Sydney, Doubleday, 1983, ISBN 0-86824-182-2.
  • Andreas Daum, German Naturalists in the Pacific around 1800: Entanglement, Autonomy, and a Transnational Culture of Expertise, in Berghoff (a cura di), Explorations and Entanglements: Germans in Pacific Worlds from the Early Modern Period to World War I, Berghahn Books, 2019, pp. 79-102.
  • John Dunmore, Who's Who in Pacific Navigation, Melbourne University Press, 1992, ISBN 0-522-84488-X.
  • Mearns, Barbara & Mearns, Richard (1998). The Bird collectors. Academic Press (London): xvii + 472 p. ISBN 0-12-487440-1
  • Tony Rice, Voyages of Discovery, London, Allen & Unwin, 2010, ISBN 978-1-74237-225-9.
  • Sardet, Michel (2007). Naturalists and explorers of the Health Service of the Navy in the 19th century. Pharmathèmes (Paris): 285 p. ISBN 978-2-914399-17-3
  • Singaravélou, Pierre (eds.) (2008). The empire of Geographers: geography, exploration and colonization, 19th–20th century. Belin (Paris): 287 p. ISBN 978-2-7011-4677-5
  • Jennifer Speake, Literature of Travel and Exploration: An Encyclopedia, New York, Fitzroy Dearborn, 2003, ISBN 1-57958-247-8, OCLC 55631133.
  • Sloane, Hans (1707–1725). A voyage to the islands Madera, Barbados, Nieves, S. Christophers and Jamaica :with the natural history of the herbs and trees … British Museum.
  • Taillemite, Étienne (2004). The discoverers of the Pacific: Bougainville, Cook, Lapérouse. Gallimard (Paris), collection Discovery: 176 p. ISBN 978-2-07-076333-7
  • Zanco, Jean-Philippe (2008). The legacy forgotten Dumont d'Urville and explorers of the Pacific: voyages of Gaston de Rocquemaurel, 1837–1854. Symposium Lapérouse and French explorers of the Pacific, Museum of the Navy, 17–18 October 2008, [1]