Apri il menu principale
F 5
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tiposommergibile di piccola crociera
ClasseF
ProprietàFlag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regia Marina
CantiereOdero, Sestri Ponente
Impostazione23 maggio 1915
Varo12 agosto 1916
Entrata in servizio26 novembre 1916
Radiazione20 luglio 1929
Destino finaledemolito
Caratteristiche generali
Dislocamento in immersione319 t
Dislocamento in emersione262 t
Lunghezza46,5 m
Larghezza4,22 m
Pescaggio3,1 m
Profondità operativa40 m
Propulsione2 motori Diesel FIAT da 700 CV
2 motori elettrici Savigliano da 500 cv complessivi
2 eliche
Velocità in immersione 8 nodi
Velocità in emersione 12,5 nodi
Autonomiain emersione 1300 miglia nautiche a 9,3 nodi
o 912 mn a 12,5 nodi
in immersione 139 mn a 1,5 nodi
o 8 mn a 8 nodi
Equipaggio2 ufficiali, 24 sottufficiali e marinai
Armamento
Armamento

dati tratti da www.betasom.it e www.xmasgrupsom.com

voci di sommergibili presenti su Wikipedia

L’F 5 è stato un sommergibile della Regia Marina.

StoriaModifica

Nei primi tempi della sua vita operativa fu sottoposto ad una lunga fase di addestramento nel golfo di La Spezia[1][2].

Nel febbraio 1917 – comandante dell'unità era il tenente di vascello Michelangelo Fedeli – fu assegnato alla II Squadriglia Sommergibili di Ancona, prendendo però base alternativamente a Venezia e Porto Corsini[1][2].

Fu impiegato in funzione offensiva sulle rotte mercantili austro-ungariche e su quelle che conducevano a Pola e Trieste, con lo svolgimento in tutto di 26 missioni[1][2].

L'8 febbraio 1918 fu dislocato in agguato una quindicina di miglia ad ovest di Pola, in appoggio all'azione di MAS divenuta nota come beffa di Buccari[3].

In seguito alla firma dell'armistizio di Villa Giusti prese parte, al comando del tenente di vascello Edoardo Somigli, all'occupazione di Umago, in Istria[1][2].

Ad inizio 1919 fu dislocato a Brindisi e nel maggio di quell'anno cambiò base con Napoli[1][2].

Prese parte a varie esercitazioni dal 1924 al 1927 ed effettuò crociere di lunga durata lungo le coste siciliane[1].

Radiato nel 1929[1], fu demolito.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Regi Sommergibili F2-F3-F4-F5-F6
  2. ^ a b c d e Classe F (1915) - Betasom - XI Gruppo Sommergibili Atlantici
  3. ^ Franco Favre, La Marina nella Grande Guerra. Le operazioni aeree, navali, subacquee e terrestri in Adriatico, p. 272
  Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marina