Apri il menu principale
Fatalità
Titolo originaleFatalità
AutoreAda Negri
1ª ed. originale1892
Genereraccolta
Sottogenerepoesia
Lingua originaleitaliano

Fatalità è la raccolta poetica d'esordio della scrittrice Ada Negri pubblicata nel 1892 dall'editore Treves a Milano. L'opera ebbe un immediato successo "facendo assurgere la sconosciuta maestrina di Motta Visconti al rango di poetessa nazionale"[1].
In una lettera a Laura Orvieto del 1914 la scrittrice esprimeva il suo stupore per la popolarità così "smisurata" che aveva ottenuto con la sua opera,[2] rimasta la più amata e celebre.

OperaModifica

Pur essendo presenti nella raccolta alcune liriche di argomento amoroso, Ada Negri è da considerarsi soprattutto una poetessa sociale e, come esprime nel titolo," il suo destino è quello di essere la voce del popolo, poiché in esso riconosce la sua origine e la sua appartenenza"[3]

Le liriche contenute nella raccolta sono scritte in endecasillabi alternati a settenari e scanditi dalle rime baciate o alternate e "sarà molto gradita, poi, al regime fascista, che vedrà nella Negri una delle personalità più adatte a rappresentarne gli orientamenti culturali e ne canonizzerà l'immagine di poetessa populista.[4]

L'opera ricevette attenzione internazionale e fu tradotta anche in lingua armena con in titolo Chakatagir dal padre mechitarista, filologo e traduttore Arsen Ghazikian, che pubblicò la traduzione a Costantinopoli per i tipi di Ō. Barseghean e figli, 1919.

NoteModifica

  1. ^ Giovanna Bandini, Letteratura italiana, Dizionario delle Opere, A-L, Giulio Einaudi Editore, Torino 1999, pag. 453
  2. ^ in Dizionario Biografico
  3. ^ Giovanna Bandini in op., cit., pag 453
  4. ^ Giovanna Bandini, in op., cit., pag. 453.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura