Fausto Rossi

cantautore italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo calciatore italiano, vedi Fausto Rossi (calciatore).
Fausto Rossi
Fausto Rossi live @ First Floor (Pomigliano).JPG
Faust'O in esibizione a Pomigliano
NazionalitàItalia Italia
GenereNew wave
Rock
Periodo di attività musicale1977 – in attività
Strumentovoce, chitarra, pianoforte
EtichettaAscolto, Dischi Ricordi,
Album pubblicati15
Studio13
Raccolte2
Sito ufficiale

Fausto Rossi, noto anche con lo pseudonimo di Faust'O (Sacile, 2 gennaio 1954), è un cantautore italiano.

BiografiaModifica

Fausto Rossi è nato in provincia di Pordenone, ma con la famiglia si trasferirà presto a Milano. All'età di cinque anni incomincia a studiare pianoforte. Ben presto si avvicinerà alla musica inglese e poi a quella punk americana.[1].

Esordi e successoModifica

Il suo esordio nel panorama musicale italiano è del 1978, con l'album Suicidio. Il disco, pubblicato con lo pseudonimo Faust'O, si impone per il suo stile originale e innovativo, ispirato alla new wave del periodo. I testi ripetuti in modo ossessivo, i ritmi nervosi e gli arrangiamenti musicali fuori dagli schemi di matrice glam fanno di Faust'O una sorta di David Bowie nostrano.[2]

Nel 1979 esce Poco zucchero, che contiene il suo singolo più famoso, Oh-Oh-Oh, che lo porta a esibirsi anche su palcoscenici televisivi come quello del Festivalbar (dove Rossi si presenta scalzo). Del loop di questa canzone effettuerà una sorta di doppia cover Massimo Boldi, con un testo diverso e aggiungendo al titolo originale rispettivamente Va Bene!, e Che peperino rap nei due lati del singolo.

Gli anni ottanta vengono inaugurati con l'album J'accuse.......amore mio, seguito nel 1982 da Out Now, un disco essenzialmente strumentale che affonda le sue radici nella cosiddetta musica concreta. Nel 1980 produce il singolo Babylonia di Bryan Cazzaniga's Rockabilly Rebels per l'etichetta indipendente Koka Records.

Nella primavera del 1983 Fausto pubblica l'album Faust'O. Quest'ultimo, che si avvale della produzione di Alberto Radius, è considerato il suo capolavoro.[3]

Nel 1985 esce Love Story, album cantato in inglese che segna un cambiamento di rotta e l'inizio di una nuova carriera.

Prima pausa e cambio di nomeModifica

Da quel momento Fausto Rossi fa perdere le tracce di sé per alcuni anni, durante i quali si dedica alla ricerca di altre espressioni musicali, come la musica contemporanea e l'etnomusicologia. Acquisterà così maggior consapevolezza del materiale sonoro, che gli sarà utile per la successiva attività di produttore discografico.[senza fonte] Dal disco successivo l'artista abbandonerà il suo nome d'arte, tornando a chiamarsi semplicemente Fausto Rossi. Questo cambio di nome sottolinea anche un distacco affettivo dai lavori fatti con l'etichetta CGD.[4]

Nel 1992 vede la luce l'album Cambiano le cose, a nome Fausto Rossi. In questo lavoro, i cui suoni sono creati tramite un computer, l'autore si limita a "definire i confini" delle canzoni. In un brano, ossia Morbide macchine, l'unico definibile pop[senza fonte], collabora come autrice Laura Valente.

Nel 1994, dopo alcune vicissitudini personali, incomincia a lavorare sul disco pubblicato l'anno seguente, L'erba. L'utilizzo delle macchine è stato rimosso nuovamente; basso, batteria e chitarra ritornano a farla da padrone. Il disco può essere definito pop-rock.[senza fonte]

Nell'estate 1995, Fausto si trasferisce in collina in una casa isolata, in cerca di "silenzio". Nella primavera dell'anno seguente comunica che comincia a lavorare sul suo nuovo progetto. L'unico strumento elettronico che utilizzerà sarà il registratore: ne esce un album di matrice blues. Il disco Exit vede la luce nella primavera del 1997. Inoltre, nel 1995, ha prodotto interamente l'album Lungo i bordi dei Massimo Volume (Mescal).

Seconda pausa e ritorno nel 2009Modifica

Dopo questi lavori, Fausto Rossi si ritira nuovamente dalla scena pubblica, rendendosi praticamente invisibile. Questo evento sposterà l'attenzione dell'opinione pubblica dalla figura del musicista a quella dell'uomo.

Nel dicembre 2005 riappare in pubblico in due concerti a Roma e Brescia, proponendo nuove canzoni. Negli anni successivi si dedica con cura al suo rientro nel mercato discografico.

Nel 2008 esce Dentro questo specchi, album tributo a Faust'O/Fausto Rossi che vede la partecipazione di tanti artisti e gruppi emergenti (Roulette Cinese, Iso) affiancati da veterani quali Maurizio Arcieri dei Krisma, Luca Cirillo (tastierista di Emma), Joyello Triolo, Fabrizio Tavernelli degli AFA e un concept scritto da Matteo B. Bianchi. Cinque anni più tardi, con lo stesso titolo, il progetto diventerà un libro,[5][6] scritto da Joyello Triolo che ripercorre la discografia di Rossi e comprende, in calce, i QR Code per il download delle cover apparse nel CD del 2008 più alcune nuove realizzate per l'occasione da Umberto Palazzo, NG, Tala e Atom-Ra (la band che accompagnò Faust'O nelle registrazioni dello storico esordio Suicidio) e molti altri.

Nel 2009, dopo circa 11 anni dal precedente lavoro, esce il suo disco Becoming Visible, inciso per l'etichetta indipendente Interbeat di Roma, abbastanza attiva nel circuito della scena cantautorale italiana. Si tratta di un lavoro molto intenso e scarno, costituito da 8 ballate d'autore con testi in inglese. All'album hanno collaborato i chitarristi Massimo Betti e Stefano Brandoni, il bassista Franco Cristaldi, mentre Fausto, oltre che cantare, ha suonato il pianoforte.

Nel 2010 pubblica l'album Below the Line e collabora con gli Egokid all'album Ecce homo (2011).

Nel 2012 esce l'album Blank Times per Interbeat, mentre nel 2014 pubblica il singolo Dogma, realizzato con Flavio Giurato e Rosybyndy[7].

Discografia parzialeModifica

Come Faust'OModifica

Album in studioModifica

RaccolteModifica

SingoliModifica

Come Fausto RossiModifica

AlbumModifica

SingoliModifica

CollaborazioniModifica

  • 1997 - LA1919 Giorni felici

ProduzioniModifica

NoteModifica

  1. ^ Fausto Rossi, su Rockit.
  2. ^ Mimma Schirosi, Faust'o. Un patto col tormento, su OndaRock.
  3. ^ Federico Guglielmi, Faust’O (1978-1980), su L'Ultima Thule, WordPress, 11 maggio 2013. URL consultato il 1º giugno 2018.
  4. ^ Emidio Clementi, Fausto Rossi (Faust'O), su Rockit, 27 settembre 2009. URL consultato il 29 settembre 2009 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2009).
  5. ^ Antonio Bacciocchi, Dentro Questi Specchi, su tonyface, Blogspot, 25 ottobre 2014.
  6. ^ Joyello Triolo, 2014.
  7. ^ Assunta Corbo, "Dogma": il singolo di Fausto Rossi, Rosybindy e Flavio Giurato, su Music Room, 8 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2015).

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN314867476 · GND (DE1067465898 · WorldCat Identities (ENviaf-314867476