Apri il menu principale

Ferrata delle Torri di Latemar

(Reindirizzamento da Ferrata delle Torri del Latemar)
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.
Ferrata delle Torri di Latemar
Torri del latemar.jpg
Torri di Latemar
Tipo percorsoVia ferrata
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneTrentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
ProvinciaBolzano Bolzano
Catena montuosaLatemar
MontagnaTorri di Latemar
Percorso
InizioObereggen
FineBivacco Rigatti
Altitudine max.2750 m slm
Altitudine min.2600 m slm
Dettagli
Tempo totale2,5 ore

La via ferrata Torri di Latemar (o Ferrata dei campanili) è una via ferrata che porta dalla Forcella dei campanili, al Bivacco Rigatti, nel gruppo del Latemar, in provincia di Bolzano.

Descrizione del percorsoModifica

AvvicinamentoModifica

Per arrivare all'attacco della ferrata, il percorso tipico è salire dalla frazione Obereggen utilizzando sino al termine la seggiovia Oberholz a 2.100 m e imboccare il sentiero n. 18, che raggiunge la forcella dei camosci, a quota 2.636 m

Via ferrataModifica

Si prosegue sino all'imbocco del sentiero n. 516, la cui diramazione conduce al rifugio Torre di Pisa e si percorre il sentiero sino alla forcella dei campanili a quota 2.600 m: da qui, scalate alcune roccette ed un ghiaione, si incontrano le prime funi metalliche. Superata una forcella si giunge ad una cengia attrezzata e alla forcella Diamantidi a quota 2.750 m. Attraverso altre cenge esposte della torre Christomannos e con l'ausilio di pioli e scale in ferro si giunge in vista del bivacco, situato nella forcella Grande. Da qui, attraverso un sentiero non attrezzato, è possibile proseguire per la cima del Latemar a 2.800 m.

DiscesaModifica

Per la discesa si fa riferimento al sentiero n. 18 e quindi al già citato n. 516 per raggiungere nuovamente la forcella dei Camosci.

BibliografiaModifica

  • Luca Visentini, Latemar, guida escursionistica, Bolzano, 1985.

Voci correlateModifica