Fest- und Gedenksprüche

Fest- und Gedenksprüche
Johannes Brahms Fest- und Gedenksprüche.pdf
Spartito completo
Musica
CompositoreJohannes Brahms
Tonalitàfa maggiore
Tipo di composizioneMottetti
Numero d'opera109
Epoca di composizione1888–1889
Prima esecuzione9 settembre 1889, Amburgo
Pubblicazione1890 (febbraio)
DedicaDr. Carl Petersen ad Amburgo
Durata media10 minuti
Organico2 cori misti (SATB)
Movimenti
3 pezzi:
  1. I nostri padri speravano in te.
  2. Quando un uomo armato forte.
  3. Dov'è un popolo così meraviglioso.
Testo tedesco
Titolo originaledalla Bibbia
AutoreMartin Lutero

Fest- und Gedenksprüche (Frasi di festival e commemorazioni), Op. 109, è un ciclo di tre mottetti per doppio coro misto di Johannes Brahms. Completò il lavoro, mettendo in musica versi biblici, nel 1889 e lo dedicò a Carl Petersen. Fu pubblicato nel 1890 da Simrock.

Il soggetto è legato all'allora recente unificazione della Germania nel 1871 e la musica è adatta per feste nazionali commemorative.

StoriaModifica

 
Carl Petersen, a cui l'opera è dedicata

Brahms compose l'opera in risposta al suo riconoscimento da parte della città di Amburgo come cittadino onorario.[1] Scelse versi biblici nella traduzione di Martin Lutero e iniziò la composizione per un doppio coro misto a cappella[2] nel 1888. Dedicò l'opera a Carl Petersen, allora sindaco di Amburgo.[1]

I titoli originali dei tre movimenti sono:

1. Unsere Väter hofften auf dich
2. Wenn ein starker Gewappneter
3. Wo ist ein so herrlich Volk

I versi biblici scelti, Sprüche o dicta, riguardano un popolo (Volk), la sua cultura nazionale e la tradizione tramandata da padri a figli. Gli argomenti corrispondevano alla recente unificazione della Germania a un impero (Kaiserreich) nel 1871, che portò a festeggiamenti nel paese. Brahms ha usato un doppio coro per illustrare sia gli argomenti che l'unificazione. La sua impostazione è stata considerata come "un baluardo ottimistico contro gli antagonismi centrifughi che presto avrebbero assediato la giovane nazione tedesca".[3]

Il lavoro fu eseguito per la prima volta ad Amburgo il 9 settembre 1889, con l'aiuto di sei ottoni, tre per ogni coro (per il sostenere i cantanti contralto, tenore e basso), per la cerimonia di cittadinanza onoraria del Cäcilienverein, ampliato a circa 400 cantanti, diretti da Julius Spengel. Lo spettacolo faceva parte del Musikfest in der Hamburgischen Gewerbe- und Industrieausstellung (Festival musicale nella mostra dei mestieri e dell'industria di Amburgo).[4] Fu pubblicato da Simrock nel febbraio 1890. Seguirono spettacoli in Germania durante i festeggiamenti per commemorare la Germania unificata.[3]

Struttura e musicaModifica

La tabella seguente mostra l'incipit, la notazione, la chiave e il tempo.

Inizio del testo Traduzione Fonte biblica Notazione Chiave Tempo
I Unsere Väter hofften auf dich I nostri padri speravano in te Salmi 22:56
Salmi 29:11
Feierlich bewegt
(Solennemente commosso)
fa maggiore 34
II Wenn ein starker Gewappneter Quando un uomo forte e armato Luca 11:21
Luca 11:17
Matteo 12:25
Lebhaft und entschlossen
(Vivace e determinato)
do maggiore
III Wo ist ein so herrlich Volk Dov'è un popolo così meraviglioso Deuteronomio 4:7,9 Froh bewegt
(Gioiosamente commosso)
fa maggiore

Il primo mottetto, "Unsere Väter hofften auf dich" ("In te si sono fidati i nostri padri"), è annotato Feierlich bewegt (solennemente commovente). In triplo tempo, inizia con il coro diviso in due gruppi di quattro voci nel modo della musica policorale veneziana. Inizia il secondo coro, il primo risponde una battuta dopo e in modo abbellito. Finisce in tempo pari, in un passaggio di libero contrappunto per tutte le parti.[5]

Il mottetto centrale, "Wenn ein starker Gewappneter" ("Quando un uomo pesantemente armato") è contrassegnato con Lebhaft und entschlossen (vivace e determinato). È una forma ternaria, con un inizio che ricorda Händel. La sezione centrale è in do minore e illustra drammaticamente il testo "ein Haus fället" (una casa cade).[5]

L'ultimo mottetto, "Wo ist ein so herrlich Volk" ("Dov'è una nazione così grande"), è contrassegnato Froh bewegt (con gioia commovente). È ambientato di nuovo nello stile veneziano, con canti antifonici a terrazze. Culmina con una ricapitolazione del suo inizio sopra un punto di pedale.[5]

NoteModifica

  1. ^ a b John Palmer, Johannes Brahms / Fest- und Gedenksprüche (3) for double chorus, Op. 109, su allmusic.com, Allmusic, 2017. URL consultato il 2 giugno 2017.
  2. ^ Brahms: Fest- und Gedenksprüche, su carus-verlag.com, Carus, 2017. URL consultato il 2 giugno 2017.
  3. ^ a b Ryan Minor, Occasions and Nations in Brahms's Fest- und Gedenkspruche, in 19th Century Music, University of California Press, 2006, DOI:10.1525/ncm.2006.29.3.261. URL consultato il 2 giugno 2017.
  4. ^ (DE) Opus 109, Fest- und Gedenksprüche für achtstimmigen Chor a capella, su brahms-institut.de, Brahms-Institut, 2017. URL consultato il 2 giugno 2017.
  5. ^ a b c Julian Haylock, Johannes Brahms / Fest- und Gedenksprüche (3) for double chorus, Op. 109, su hyperion-records.co.uk, Hyperion, 1991. URL consultato il 2 giugno 2017.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica classica