François de Baradas

François de Baradas (Borgogna, 1602Avignone, 1684) fu uno dei favoriti di re Luigi XIII..

BiografiaModifica

Originario di una famiglia borgognona, ancora giovinetto venne assegnato alle stalle del re come paggio. Luigi XIII lo prese in simpatia personale e lo nominò poco dopo primo gentiluomo di camera del re, governatore poi del castello di Saint-Germain e Luogotenente del re nello Champagne. Sei mesi dopo aver ottenuto questi grandi onori, Baradas perse tutta la propria fortuna, motivo per cui ancora oggi nella tradizione della lingua francese è noto il detto "fortuna di Baradas" a indicare una ricchezza notevole ma di breve durata.

François Sublet de Noyers era stato infatti incaricato di convincere Baradas a dimettersi dai propri incarichi dietro pagamento della considerevole somma di 100.000 scudi dal momento che il re intendeva concedere quegli onori al suo nuovo favorito, il futuro duca di Saint-Simon. Malgrado le pressioni del conte di Chavigny, sovrintendente delle finanze del re, questi non lasciò la propria provincia e l'operazione non giunse allo sperato compimento. Durante l'assedio di Corbie del 1636, cospirò per fermare il cardinale Richelieu, ma scoperto venne esiliato ad Avignone dove morì nel 1684.

BibliografiaModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie