Francesco Arese Lucini (senatore)

politico italiano
Francesco Arese Lucini
Francesco Arese Lucini.jpg

Senatore del Regno di Sardegna
Durata mandato 26 novembre 1854 –
25 maggio 1881
Legislature dalla V
Tipo nomina Categoria: 21
Sito istituzionale

Dati generali
Professione Possidente

Francesco Benedetto Arese Lucini (Milano, 14 agosto 1805Firenze, 25 maggio 1881) è stato un politico italiano, senatore e cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata, figlio di Antonietta Fagnani Arese e nipote di Francesco Teodoro Arese Lucini.

BiografiaModifica

Nato in un'antica famiglia milanese, che fin dal XV secolo possedeva i feudi di Barlassina e Pieve di Sevese, intraprese la carriera politica. Dopo essersi compromesso nei moti del 1831 partì per la Svizzera, dove conobbe un altro fuoriuscito da tali moti, Luigi Napoleone Bonaparte, futuro Napoleone III, col quale strinse una duratura amicizia.

Nel 1832 fu volontario nella Legione straniera a servizio della Francia nella campagna di conquista dell'Algeria.

Nel 1837 intraprese un avventuroso viaggio nel Far West americano. Le sue note di viaggio sono raccolte nel libro "Da New York al selvaggio West nel 1837" edito da Sellerio.

Dopo l'amnistia del 1838 tornò a Milano e nel 1848 si recò in Piemonte per invocare l'aiuto di Carlo Alberto di Savoia agli insorti della sua città. In fuga dagli austriaci riparò a Genova, dove divenne deputato del Parlamento subalpino. Compì missioni diplomatiche presso l'amico Napoleone III.

Nel 1859 gli fu offerto un ministero ma rinunciò. Fu poi tra coloro che negoziarono la cessione di Nizza e della Savoia alla Francia. Di lui resta un importante carteggio politico. Con lo spostamento della capitale da Torino a Firenze si stabilì nella città toscana, a palazzo Calcagnini. Qui trascorse anche la vecchiaia e morì nel 1881.

OnorificenzeModifica

Onorificenze italianeModifica

  Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
— 1869
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 1869
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia
— 1869

Onorificenze straniereModifica

  Commendatore dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32142900 · ISNI (EN0000 0000 0185 8069 · BNF (FRcb133241013 (data) · WorldCat Identities (EN32142900