Franco Chiletto

fumettista e illustratore italiano

Francesco Chiletto (Torcegno, 18973 settembre 1976) è stato un fumettista, illustratore e pittore italiano. Trentino, combatte come alpino nella prima guerra mondiale.

BiografiaModifica

Fino al 1922 è falegname e incisore. L'anno successivo si trasferisce a Milano, dove frequenta la scuola serale d'arte di Brera.

Inizia l'attività grafica disegnando per la pubblicità, a cui seguì una serie di illustrazioni di libri per ragazzi (1927) e poi l'incontro con il mondo dell'editoria dei fumetti.

Attività graficaModifica

Ad eccezione dei vignettoni della serie Corrierino di Guerra, ospitati sulle pagine del Corriere dei Piccoli, il suo nome è legato prevalentemente agli editori Vecchi e Mondadori.

Per conto della Saev, dal 1936 al 1941, pubblica su L'Audace una serie di racconti come La freccia vermiglia, Gli sparvieri del mare, La rivincita di Santamauro e L'esploratore di ferro. Su Jumbo esce Il piccolo Filibustiere e su Rintintin il romanzo completo Gli eroi dell'aria (1937).

Dal numero 54 di Paperino subentra a Nino Pagot nell'illustrazione de La mia avventura tra gli Arussi, scritta dal capitano G.Cannonieri e sceneggiata da Federico Pedrocchi. Sul Topolino di Mondadori esegue la saga salgariana del ciclo dei corsari e Alla conquista di un impero.

Sulle pagine dell'Avventuroso prosegue la serie di Faust, iniziata da Rino Albertarelli, concludendo l'episodio La spada dei giganti, edito dal numero 446 al 450 e poi ripreso nel dopoguerra sul n.14 degli Albi d'Oro (1946). Ancora del periodo bellico da ricordare Andus, scritto da Giovanni Bonelli e pubblicato sul Vittorioso. È questa senz'altro una delle sue opere più riuscite, rapportabile solo al Corsaro Nero, pubblicato nel 1946 sugli Albi Salgari.

Nello stesso periodo gli Albi d'Oro alternano a episodi inediti reprint delle sue opere apparse nell'antiguerra, come L'oro di Funny Mountain e L'acqua misteriosa.

Il ritorno a TorcegnoModifica

Conclusesi le brevi collaborazioni nell'immediato dopoguerra, Chiletto torna nel suo paese natale, dove si dedica alla pittura e all'affresco di chiesette delle valli trentine.

Si spegne il 3 settembre 1976.

Controllo di autoritàVIAF (EN30426367 · ISNI (EN0000 0000 4609 1842 · SBN IT\ICCU\CFIV\166359 · LCCN (ENnr00016583 · WorldCat Identities (ENlccn-nr00016583