Apri il menu principale

Fronte Patriottico (Austria)

partito politico austriaco
Fronte Patriottico
(DE) Vaterländische Front (VF)
Kruckenkreuz Ständestaat Österreich.svg
LeaderErnst Rüdiger Starhemberg, Engelbert Dollfuss
StatoAustria Austria
SedeVienna
Fondazione20 maggio 1933
Dissoluzione13 marzo 1938
IdeologiaCattolicesimo politico[1][2]
Nazionalismo austriaco
Austrofascismo
Fascismo clericale[2]
Corporativismo[2]
Autoritarismo
CollocazioneDestra/Estrema destra
Iscritti3 000 000[3] (1937)
SloganÖsterreich, erwache!
("Austria, sveglia!")[4]

Il Fronte Patriottico (in tedesco Vaterländische Front, VF) è stato un partito politico austriaco di stampo fascista. Fu il più stretto alleato del Partito Nazionale Fascista in Italia.

Cenni storiciModifica

Fu fondato nel 1933 da Engelbert Dollfuss, divenuto cancelliere nel 1932, per raccogliere tutti i "patrioti austriaci" sotto una sola formazione politica.[5] La sua politica fu impostata sul modello del fascismo italiano. Dopo la messa fuori legge di tutti gli altri partiti politici, il VF ebbe una posizione di monopolio nella politica austriaca, sia in campo civile che militare.

Nonostante gli sforzi di Dollfuss, il VF non divenne mai un movimento di massa. Entro la fine del 1937 esso contava ben 3 milioni di membri (sui 6,5 milioni di abitanti dell'Austria), ma solo pochi di questi erano veramente attivi e ad esso fedeli, di qui la sua difficoltà a sostenere il confronto con gli avversari politici (dai circoli del Partito Socialdemocratico d'Austria al Partito Nazista). Dopo l'attentato che lo condusse Dollfuss alla morte (25 luglio 1934), la guida del partito fu assunta dal principe Ernst Rüdiger Starhemberg.

Il partito fu poi sciolto dai nazisti dopo l'annessione (Anschluss) dell'Austria alla Germania hitleriana, avvenuta alla vigilia della seconda guerra mondiale (1938). Il simbolo della VF era la croce crociata (Kruckenkreuz) e il suo saluto ufficiale Front heil!.

NoteModifica

  1. ^ Gregor Thuswaldner, Dollfuss, Engelbert (1892–1934), in Roy Palmer Domenico e Mark Y. Hanley (a cura di), Encyclopedia of Modern Christian Politics, Greenwood Press, 2006, p. 174.
  2. ^ a b c Robert Pyrah, Enacting Encyclicals? Cultural Politics and 'Clerical Fascism' in Austria, 1933–1938, in Clerical Fascism in Interwar Europe, Routledge, 2008, pp. 157–169.
  3. ^ Stanley G. Payne, A History of Fascism, 1914–1945, University of Wisconsin Press, 1995, p. 249.
  4. ^ Barbara Jelavich, Modern Austria: Empire and Republic, 1815-1986, Cambridge University Press, 1987, p. 200.
  5. ^ In realtà l'organizzazione del nuovo partito, che raccoglieva numerose sigle della destra politica austriaca, è dovuta al principe Ernst Rüdiger Starhemberg, che nel maggio del 1934 fu nominato da Dollfuss vice-cancelliere.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN216145542745696642359 · LCCN (ENn84155625 · GND (DE5272350-1 · WorldCat Identities (ENn84-155625