Apri il menu principale

Full Love

film del 2010 diretto da Jean-Claude Van Damme
Full Love
Titolo originaleThe Eagle Path
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2014
Durata108 min
Genereazione, drammatico
RegiaJean-Claude Van Damme
SoggettoJean-Claude Van Damme
SceneggiaturaJean-Claude Van Damme
ProduttoreJean-Claude Van Damme, Eugene Van Varenberg, Moshe Diamant, Pairoj Rojlertjanya
Produttore esecutivoKathy Brayton
Casa di produzioneRodin Entertainment
MontaggioJean-Claude Van Damme, Noureddine Zerrad
Interpreti e personaggi

Full Love è un film indipendente del 2014 scritto, diretto, prodotto e interpretato da Jean-Claude Van Damme.

Si tratta di una nuova versione completamente rimontata e revisionata del film originariamente intitolato The Eagle Path del 2010.

Indice

TramaModifica

Frenchy è un veterano dell'esercito ed un ex mercenario che lavora come tassista in un paese asiatico, tentando di scordare una parte del suo passato, i cui ricordi spesso riaffiorano alla memoria e lo tormentano. Dopo il turno di lavoro, l'uomo frequenta un locale che contiene un'aquila in gabbia che serve per attrarre i visitatori. Una sera nel ben mezzo dello stressante traffico asiatico, Franchy fa salire sul proprio taxi una bella donna che gli cambierà l'esistenza per sempre.

ProduzioneModifica

Jean-Claude Van Damme lavorò a questo film girandolo tra la Thailandia, Hong-Kong e gli U.S.A. Le riprese si sono svolte nell'estate del 2008. Il budget stimato è stato di 5 milioni di dollari.

Distribuzione e promozioneModifica

Il primo trailer è stato pubblicato il 14 agosto 2009. Il film è stato presentato in anteprima fuori concorso al Festival di Cannes, il 13 maggio 2010 e al Festival di Shanghai, il 20 giugno 2014. Non si hanno notizie definitive relativamente alla sua distribuzione.

CuriositàModifica

Questo è stato il film più personale di Van Damme, perché ha preso parte rilevante non solo come principale interprete a livello attoriale, ma anche negli altri aspetti fondamentali del film. La causa principale per la quale il film ha avuto un notevole ritardo nella sua distribuzione non è completamente chiara, ma è stata attribuita all'insoddisfazione che Van Damme ha percepito da una parte consistente del pubblico al Festival di Cannes, soprattutto per quanto riguarda il montaggio. Van Damme s'è preso così la responsabilità di ritornare a montare il lungometraggio, introducendo più scene d'azione aggiuntive rispetto a quelle già presenti nella versione originale del 2010.[1]. In un'intervista ha ammesso la notevole difficoltà nel gestire tutta la fase complessa di post-produzione del film, dovuta alla poca esperienza che reca nelle vesti di montatore, di supervisore e di quelle competenze che vengono specificamente richieste di avere in quell'ambito. D'altra parte, Van Damme ha dichiarato che l'aver diretto e non solo interpretato questa pellicola è stata un'esperienza unica e molto coinvolgente, che gli ha permesso di evolversi di più anche a livello personale."[2].

Nel cast, hanno avuto un ruolo di minor calibro anche i figli Blanca Bree e Kristopher Van Varenberg.

Nel 2014, Van Damme ha scelto il Festival di Shanghai per fare promozione al proprio film, perché oltre che avere la residenza dal 1987, è amante della filosofia cinese. Durante l'occasione ha avuto modo di ritornare ad incontrare l'amico e collega Jackie Chan."[3]."

NoteModifica

  1. ^ Copia archiviata. URL consultato il 6 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale l'8 agosto 2012).
  2. ^ http://www.cityonfire.com/jean-claude-van-damme-is-on-the-eagle-path/.
  3. ^ https://www.youtube.com/watch?v=_z4YbIUHdBQ.

Collegamenti esterniModifica