Gaetano Cima

architetto italiano

Gaetano Cima (Cagliari, 16 agosto 1805Cagliari, 4 febbraio 1878) è stato un architetto italiano. È considerato uno dei più grandi architetti della Sardegna. Le sue opere, in stile neoclassico, sono presenti in ogni parte dell'Isola.

Busto di Gaetano Cima, realizzato da Giovanni Pandiani, all'Ospedale Civile di Cagliari

Biografia

modifica

Gaetano Cima nacque a Cagliari nel 1805 da Filippo e Anna M. Marchesoli[1], di agiata condizione sociale.

Intraprese gli studi dal 1826 a Torino qualificandosi come architetto civile nell'agosto del 1830 e in seguito studiò per tre anni all'Accademia delle Belle Arti di Roma,[2] dove ebbe per maestri anche Luigi Canina e Luigi Poletti.

Terminati gli studi, iniziò a collaborare con la pubblica amministrazione, lavorò per il Genio Civile fino a poco prima diretto dall'architetto Giuseppe Cominotti, in questo ruolo si trovò a rifare il progetto per il Teatro Civico essendo stato valutato come troppo oneroso il progetto originario del Cominotti.[2]

In seguito (nel 1837), per divergenze con la direzione del circondario di Sardegna, divenne direttore dell'Ufficio Tecnico del capoluogo sardo. Tra gli altri progetti vi furono la ricostruzione della chiesa di San Giacomo a Cagliari di cui venne poi realizzata la sola facciata, la villa Santa Maria a Pula e la chiesa di Santa Maria Assunta a Guasila. Del 1841 è la progettazione della chiesa di San Francesco a Oristano; mentre la realizzazione delle piante dell'ospedale civile cagliaritano è del 1844. A questi si aggiungono numerosi progetti di modifica e abbellimento di palazzi signorili del Castello di Cagliari e del palazzo dei conti Nieddu.

Successivamente si dedicò alla libera professione e all'insegnamento presso l'Università della città natale, dove fu docente di architettura civile, disegno e ornato, insegnamento che in seguito assunse il nome di Architettura civile, Architettura e Disegno d'ornato e, infine, Disegno d'ornato e d'architettura elementare.[2]

Il 24 marzo 1840 gli fu affidata la direzione del Regio Museo.[2] Il 3 aprile 1864 divenne preside della neo costituita Facoltà di Scienze fisiche, matematiche e naturali di Cagliari, incarico che mantenne fino all'anno accademico 1876-1877.[2]

Morì a Cagliari il 4 febbraio 1878, le sue spoglie furono tumulate nel cimitero monumentale di Bonaria. Si conosce l'esistenza di una sola fotografia in vita del Cima (Collezione Pisu).

 
Il vecchio Ospedale Civile a Cagliari

Architettura civile

modifica
 
Santuario della Beata Vergine Assunta (Guasila)
 
Il Duomo di Ozieri

Architettura religiosa

modifica
  1. ^ CIMA, Gaetano, su treccani.it. URL consultato il 27 agosto 2023.
  2. ^ a b c d e Cima Gaetano, su archiviostorico.unica.it. URL consultato il 9 luglio 2024.

Bibliografia

modifica
  • Giulio Angioni (a cura di), Guasila. Un paese in Sardegna, Cagliari, Viali, 1985.
  • Antonella Del Panta, Un architetto e la sua città. L'opera di Gaetano Cima (1805-1878) nelle carte dell'Archivio comunale di Cagliari, Cagliari, Edizioni Della Torre, 1983.
  • Salvatore Naitza. Architettura dal tardo '600 al classicismo purista. Cagliari, Ilisso, 1992, ISBN 88-85098-20-7.
  • Silvia Martelli, Cagliari alle soglie del Novecento, Cagliari, Cooperativa area urbana, 1996, ISBN 8886434065, LCCN 97138053.

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN25487396 · ISNI (EN0000 0000 6681 1579 · CERL cnp00570252 · ULAN (EN500069981 · LCCN (ENn97067582 · GND (DE122541308