Galassia cometa

galassia spirale
Galassia cometa
Galassia a spirale
Abell 2667HSTFull.jpg
L'ammasso Abell 2667. La galassia cometa è visibile in alto a sinistra nell'immagine.
Scoperta
ScopritoreTelescopio Spaziale Hubble
Dati osservativi
(epoca J2000.0)
CostellazioneScultore
Ascensione retta23h 51m 44.1s
Declinazione-26° 03′ 59″
Distanza3,2 miliardi di a.l. (distanza comovente)  
Magnitudine apparente (V)18,7
Redshiftz = 0,226
Caratteristiche fisiche
TipoGalassia a spirale
Dimensioni600 mila a.l.  
Altre designazioni
PGC 3234374, 2DFGRSS132Z144
Mappa di localizzazione
Galassia cometa
Sculptor IAU.svg
Categoria di galassie a spirale

Coordinate: Carta celeste 23h 51m 44.1s, -26° 03′ 59″

La galassia cometa è una galassia a spirale nell'ammasso di galassie Abell 2667, distante 3,2 miliardi di anni luce, con una massa appena superiore a quella della nostra galassia.

Il telescopio spaziale Hubble, grazie ad un lavoro di un team di astronomi internazionali, tra i quali Giovanni Covone dell'osservatorio astronomico di Capodimonte di Napoli, ha posizionato il proprio sguardo sull'ammasso di galassie Abell 2667 osservando la trasformazione delle strutture di una galassia mentre transita in un ammasso di galassie, il quale grazie alla forza del proprio campo gravitazionale e alla forte pressione del gas caldo e denso le fa raggiungere una temperatura che si aggira fra i 10-100 milioni di gradi e le conferisce un'accelerazione di circa 3,5 milioni di km/h.

Il fenomeno, che è stato osservato per la prima volta, dà vita a una specie di coda formata da molte stelle che le danno l'aspetto di una cometa.

Jean-Paul Kneib del laboratorio d'Astrophysique de Marseille dice che la galassia in questione ha una scia estesa di noduli blu brillanti e ciuffi di stelle giovani che sono state strappate via dalle forze di marea ed ora si trovano a vagare sradicate dalla galassia madre e per questo porterà la stessa verso un precoce invecchiamento; perderà la maggior parte del gas e delle polveri necessari per la formazione di nuove generazioni di stelle, diventando quindi povera di gas, ma ricca di vecchie stelle rosse; il corso di questi eventi viene stimato che durerà circa un miliardo di anni e noi ora stiamo osservando ciò che si riferisce a circa 200 milioni di anni dall'inizio del processo.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari