Apri il menu principale

Gato Barbieri

sassofonista argentino
Gato Barbieri
Gato barbieri.jpg
NazionalitàArgentina Argentina
Genere[[Jazz, avant-garde jazz, free jazz, latin jazz, smooth jazz]]
Periodo di attività musicale1961 – 2016
Strumentosax

Gato Barbieri, all'anagrafe Leandro Barbieri (Rosario, 28 novembre 1932New York, 2 aprile 2016[1]), è stato un sassofonista e compositore argentino.

BiografiaModifica

Figlio di un carpentiere di origini piemontesi con la passione per il violino. A Buenos Aires, dove la famiglia si trasferisce, studia clarinetto, sassofono e composizione e scopre il jazz ascoltando Charlie Parker. Nel 1953 entra a far parte dell'orchestra di Lalo Schifrin il più importante jazzman argentino dell'epoca, e si dedica completamente al sax tenore.

Nel 1958 Barbieri, con Lalo Schifrin y sus Estrellas, partecipa all'incisione di brani della colonna sonora di El Jefe, poliziesco di Fernando Ayala, della cinematografia argentina. Barbieri attratto dalle novità musicali di Sonny Rollins, John Coltrane, Miles Davis e da altri artisti del free jazz, decide di partire per Italia e nel 1962 si trasferisce con la sua compagna Michelle a Roma, dove inizia a lavorare dividendosi fra jazz nei club, studi di registrazione, musica leggera, lavoro per la televisione e il cinema.

Michelle viene assunta da Bernardo Bertolucci come segretaria di edizione del film Prima della rivoluzione, occasione che permise a Barbieri di conosce il regista e collaborare alla colonna sonora della pellicola.

Riconosciuto per il suo talento nello stesso periodo registra per l'allora giovane arrangiatore Ennio Morricone l'assolo in "Sapore di sale" di Gino Paoli.

Intorno al 1963 sotto lo pseudonimo di Cat Barbieri, con il pianista-arrangiatore argentino Angel Pocho Gatti incide il 45 giri "Pocho's Blues" .

Nel 1965 a Parigi ritrova il trombettista americano Don Cherry dal cui sodalizio, nascono alcuni capolavori del jazz più audace degli anni sessanta, come Complete Communion e Symphony for Improvisers.

Nel 1967 partecipa con Liberation Music Orchestra di Charlie Haden, che rielabora materiali di provenienza popolare come l'Hasta Siempre di Carlos Puebla e le canzoni repubblicane della guerra civile spagnola.

A Milano nello stesso anno partecipa alla registrazione dell'album Nuovi sentimenti di Giorgio Gaslini. In quegli anni ha inoltre collaborato con il compositore Piero Umiliani, prendendo parte alla colonna sonora dei film Una bella grinta di Giuliano Montaldo (1964) e Svezia, inferno e paradiso di Luigi Scattini (1968).

Nel 1968 incide con il suo nome in duo con Dollar Brand, proponendo una musica con un suo personalissimo stile nel quale fonde soluzioni tecniche più tipicamente jazzistiche con le sonorità sud -americane e i ritmi latini.

Nel 1972 collabora con il regista Bernardo Bertolucci componendo la colonna sonora del film Ultimo tango a Parigi, che gli ha valso una candidatura ai Grammy Award.

La sua produzione musicale ha conosciuto collaborazioni con i più diversi artisti, fra cui Carlos Santana, e collaborazioni anche nel pop d'autore italiano tra cui Pino Daniele e Antonello Venditti. Nel 1979 partecipa alla registrazione del brano Buona domenica, e suona con Venditti nel Tour del 1993.

Negli anni ottanta a seguito della morte moglie Michelle per una malattia degenerativa, è colpito da depressione cui segue un lungo periodo di inattività.

Nel 1996 si risposa con Laura da cui nasce nel 1998 il suo unico figlio Christian, Barbieri torna ad esibirsi dal vivo solo alla fine degli anni novanta..

Nel 2015, vince un Latin Grammy, premio alla carriera.

Muore a New York, il 2 aprile 2016 a causa delle complicanze di una polmonite.

Il 25 giugno 2019, il New York Times Magazine ha elencato Gato Barbieri tra centinaia di artisti il ​​cui materiale sarebbe stato distrutto nel fuoco universale del 2008.[2]

DiscografiaModifica

Come sideman conModifica

Angel 'Pocho' Gatti
  • 1963 - Pocho's Blues (Fontana)
Don Cherry
  • 1965 - Togetherness
  • 1966 - Complete Communion (Blue Note)
  • 1966 - Live at Jazzhus Montmartre 1966
  • 1966 - Symphony for Improvisers (Blue Note)
Gary Burton
  • 1967 -A Genuine Tong Funera] (RCA)
Dollar Brand
  • 1968 - Hamba Khale (Confluence)
Alan Shorter
Jazz Composer's Orchestra
  • 1968 - The Jazz Composer's Orchestra
Charlie Haden
  • 1969 - Liberation Music Orchestra (Impulse!)
Oliver Nelson
  • 1971 - Swiss Suite (Flying Dutchman)
Carla Bley e Paul Haines
  • 1971 - Escalator Over The Hill (JCOA)
  • 1974 - Tropic Appetites, (Watt)
Antonello Venditti
  • Da Sansiro A Samarcanda'

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Gato Barbieri, Latin Jazz Saxophonist, Dies at Age 83, su BillBoard. URL consultato il 2 aprile 2016.
  2. ^ Here Are Hundreds More Artists Whose Tapes Were Destroyed in the UMG Fire, su nytimes.com, 25 June 2019. URL consultato il 28 June 2019.

BibliografiaModifica

  • Gullo, Leonardi, Visentin, Gato Barbieri, Interventi di Giorgio Gaslini e Umberto Santucci, Edizioni Ottaviano, Milano, 1979.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN17406741 · ISNI (EN0000 0001 1468 3939 · LCCN (ENn86145241 · GND (DE103854924 · BNF (FRcb138911428 (data) · NLA (EN35887042 · WorldCat Identities (ENn86-145241