Apri il menu principale

Gaudenzio (Radim)

arcivescovo cattolico e santo ceco
San Gaudenzio (Radzim)
Socha Svateho Vojtecha a Radima.jpg
Monumento a Gaudentius e Sant'Adalberto a Libice nad Cidlinou, Repubblica Ceca
 

Arcivescovo

 
Nascita970
Morte1020
Venerato daChiesa cattolica
Ricorrenza11 ottobre

Gaudenzio, in polacco Radzim Gaudenty, in ceco Svatý Radim (9701020 circa), fu arcivescovo di Gniezno, il primo arcivescovo polacco. È venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Indice

BiografiaModifica

Nato col nome di Radim, era figlio extraconiugale di Slavník, quindi fratellastro di Adalberto di Praga. Nel 989 i due entrarono nel monastero benedettino dedicato ai Santi Bonifazio e Alessio sull'Aventino a Roma, dove Radim adottò il nome Gaudencius[1] o Gaudentius.[2] Accompagnò Adalberto nel suo viaggio fatale in Prussia nel 997.

CultoModifica

La Chiesa cattolica lo commemora il giorno 11 ottobre.

Dal Martirologio Romano: "A Gniezno in Polonia, san Gaudenzio o Radzim, vescovo, che, fratello secondo la carne e secondo lo spirito, nonché fedele compagno di sant'Adalberto vescovo di Praga, assistette al suo martirio e fu poi gettato egli stesso in carcere".

NoteModifica

  1. ^ [1]
  2. ^ Norman Davies: God's Playground, [2]

BibliografiaModifica

  • Nora Berend, Christianization and the Rise of Christian Monarchy: Scandinavia, Central Europe and Rus' C. 900-1200, Cambridge University Press, ISBN 0-521-87616-8
  • Attwater, D.: Slovník svatých, Vimperk 1993
  • Attwater, Donald and Catherine Rachel John. The Penguin Dictionary of Saints. 3rd edition. New York: Penguin Books, 1993. ISBN 0-14-051312-4.
  • Bruno di Querfurt: Život svatého Vojtěcha, Praha 1996
  • Kolektiv: Bohemia Sancta: životopisy českých světců a přátel Božích, Praha 1990
  • Kolektiv: Svatý Vojtěch, sborník k mileniu, Praha 1997
  • Michal Lutovský, Zdeněk Petráň: Slavníkovci ISBN 80-7277-291-0

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Gaudenzio, su Santi, beati e testimoni, santiebeati.it.  
Controllo di autoritàVIAF (EN47198539 · ISNI (EN0000 0000 1407 3439 · GND (DE104315695 · CERL cnp00366533