Apri il menu principale

Gello (San Giuliano Terme)

frazione del comune italiano di San Giuliano Terme
Gello
frazione
Gello – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Pisa-Stemma.svg Pisa
ComuneSan Giuliano Terme-Stemma.png San Giuliano Terme
Territorio
Coordinate43°45′26.9″N 10°25′37.26″E / 43.757473°N 10.427017°E43.757473; 10.427017 (Gello)Coordinate: 43°45′26.9″N 10°25′37.26″E / 43.757473°N 10.427017°E43.757473; 10.427017 (Gello)
Altitudinem s.l.m.
Abitanti2 365 (2011)
Altre informazioni
Cod. postale56017
Prefisso050
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantigellese, gellesi[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gello
Gello

Gello (già Gello di Val d'Osoli)[2] è una frazione del comune italiano di San Giuliano Terme, nella provincia di Pisa, in Toscana.

Geografia fisicaModifica

La frazione di Gello è situata nella piana a sud di San Giuliano Terme, ai piedi delle propaggini occidentali del Monte Serra, caratterizzate dalle alture di Monte Castellare (266 m s.l.m.) e Monte San Giuliano (326 m s.l.m.). La piana dove si trova Gello è inserita tra le rive dei due fiumi principali, il Serchio a nord e l'Arno a sud, ed è attraversata da una serie di numerosi fossi e canali frutto di ingegneria idraulica per regolamentare il flusso dei due fiumi, come l'antifosso di Canova, il fosso Doppio, lo scolo di Corliano, il fosso dell'Acqua Calda, il fosso del Gatano e il fosso del Cafaggiolo.

StoriaModifica

Il territorio dove sorge Gello era noto in epoca medievale con il nome di Piemonte Pisano, come rammentato nei diplomi degli imperatori Enrico VI (1192) e Ottone IV (1209) in cui è citata una contrada di Pié di Monte, poi divenuta capitaneria con il titolo di Piemonte come si legge anche nello statuto di Pisa del 1286.[2] Il toponimo Gello è da ricondursi sicuramente al latino Agellus, che indicava un "piccolo podere". Sempre in epoca medievale, la frazione era composta da due borghi adiacenti, Gello e Bottano, dotati di chiese parrocchiali intitolate rispettivamente a San Giovanni (già Santo Stefano) e a San Cristoforo.[2] Situato in un'area storicamente umida, nei pressi del padule di Agnano, è per questo motivo che il borgo di Gello era chiamato anche Gello Putido, poi cambiato in Gello di Val d'Osoli, dal nome di un fosso che scendeva da monte fino a confluire, tramite una serie di fossi, nel fiume Morto.[2] Nel 1833 la frazione, che comprendeva anche il borgo di Bottano, contava ben 1 063 abitanti.[2]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

 
La chiesa di San Giovanni Evangelista
 
La chiesa di San Cristoforo
  • Chiesa di San Giovanni Evangelista, chiesa parrocchiale della frazione, è ricordata dal 1371,[3] anche se un'altra chiesa intitolata a Santo Stefano è attestata a Gello nel 1056.[3] L'edificio ha subito varie ristrutturazioni tra il XVIII e il XIX secolo.[3] Fu elevata a prioria nel 1815, quando fu unita in un'unica parrocchia con la chiesa di San Cristoforo di Bottano.[3]
  • Chiesa di San Cristoforo, situata in località Bottano,[4] è nota anche con il titolo di Maria Assunta, e risale agli inizi del XIII secolo, conservandone ancora l'originaria facciata.[5]
  • Chiesa di San Giovanni Battista, situata in località Campolungo.[6]

SocietàModifica

Associazioni di volontariato

La Pubblica Assistenza Società Riunite in Pisa è presente con una Sezione della sua Associazione, fornendo numerosi servizi alla cittadinanza.

NoteModifica

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 239.
  2. ^ a b c d e Emanuele Repetti, «Gello Archiviato il 3 febbraio 2015 in Internet Archive.», Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana, 1833-1846.
  3. ^ a b c d Parrocchia di San Giovanni Evangelista Archiviato il 3 febbraio 2015 in Internet Archive., sito ufficiale dell'Arcidiocesi di Pisa.
  4. ^ San Cristoforo di Bottano Archiviato il 3 febbraio 2015 in Internet Archive., sito ufficiale dell'Arcidiocesi di Pisa.
  5. ^ San Giuliano Terme, Tuscany Charming.
  6. ^ San Giovanni Battista a Campolungo Archiviato il 3 febbraio 2015 in Internet Archive., sito ufficiale dell'Arcidiocesi di Pisa.

BibliografiaModifica

  • Giuseppe Caciagli, Pisa e la sua provincia, vol. 3, tomo II, Pisa, Colombo Cursi Editore, 1972, pp. 575–576.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Toscana