Georg Amadeus Carl Friedrich Naumann

Georg Amadeus Carl Friedrich Naumann (Dresda, 30 maggio 1797Lipsia, 26 novembre 1873) è stato un geologo, mineralogista e accademico tedesco.

Georg Amadeus Carl Friedrich Naumann.

BiografiaModifica

Figlio del musicista e compositore Johann Gottlieb Naumann, ricevette la sua prima educazione nella scuola annessa all'abbazia cistercense di Pforta, proseguendo a Friburgo sotto la guida di Werner, laureandosi a Jena, dove insegnò a partire dal 1823. Nei due anni precedenti, ebbe occasione di viaggiare in Norvegia, raccogliendo delle osservazioni che influenzarono la sua pubblicistica scientifica.

Dopo essersi trasferito a Lipsia per dodici mesi, nel 1826 divenne docente di cristallografia in quella che era stata la cattedra di Friedrich Mohs, autore della scala di durezza omonima.

Dal 1835 insegnò geognosia a Friburgo, completando la mappatura geologica della Sassonia con l'aiuto del geologo tedesco Bernard von Cotta (1808-1879). Sette anni più tardi, fu nominato professore di mineralogia e di geognosia all'Università di Lipsia.

Nel 1873, fu eletto membro onorario (estero) dell'Accademia Americana delle Arti e delle Scienze, poco tempo prima della morte, sopraggiunta il 26 novembre.
In suo onore è stato intitolato il Cratere lunare Neumann.

OpereModifica

  • Beiträge zur Kenntniss Norwegens (2 volumi, 1824);
  • Lehrbuch der Mineralogie (1828);
  • Lehrbuch der reinen und angewandten Krystallographie (2 volumi e un atlante, pubblicati nel 1830);
  • Elemente der Mineralogie (1846; 9ª edizione nel 1874; 10ª edizione con F. Zirkel, nel 1877);
  • Lehrbuch der Geognosie, composto da 2 volumi e da un atlante fra il 1849 e il 1854. La 2ª edizione uscì in stampa dal 1858 al 1872.

NoteModifica

Fonti

La presente voce incorpor parti della voce dal titolo Naumann, Georg Amadeus Carl Friedrich, redatta da Hugh Chisholm per l'11ª edizione dell'Enciclopedia Britannica (Cambridge University Press, 1911, vol. 19, p. 278).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN59847774 · ISNI (EN0000 0001 1065 1091 · CERL cnp01502341 · LCCN (ENn87827730 · GND (DE116900377 · BNE (ESXX1377248 (data) · J9U (ENHE987007272726205171 (topic) · CONOR.SI (SL180408931 · WorldCat Identities (ENlccn-n87827730