Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Jena (disambigua).
Jena
Città extracircondariale
Jena – Stemma
Jena – Veduta
Localizzazione
StatoGermania Germania
LandFlag of Thuringia.svg Turingia
DistrettoNon presente
CircondarioNon presente
Amministrazione
SindacoThomas Nitzsche (FDP)
Territorio
Coordinate50°55′38″N 11°35′11″E / 50.927222°N 11.586389°E50.927222; 11.586389 (Jena)Coordinate: 50°55′38″N 11°35′11″E / 50.927222°N 11.586389°E50.927222; 11.586389 (Jena)
Altitudine143 e 158 m s.l.m.
Superficie114,76 km²
Abitanti107 679[1] (31-12-2013)
Densità938,3 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale07751, 07743, 07745, 07747 e 07749
Prefisso03641 e 036425
Fuso orarioUTC+1
Codice Destatis16 0 53 000
TargaJ
Cartografia
Mappa di localizzazione: Germania
Jena
Jena
Jena – Mappa
Sito istituzionale

Jena è una città extracircondariale della Turingia, in Germania.

Dopo la capitale Erfurt è la seconda città per popolazione del Land.

Indice

StoriaModifica

È celebre perché la sua università è stata il punto di incontro dei creatori e teorici del Romanticismo come i fratelli Wilhelm e Friedrich Schlegel, oltre che Novalis. È stata anche l'università in cui Karl Marx si addottorò nel 1841. L'Università di Jena fu rinominata all'inizio del XX secolo con la denominazione Friedrich-Schiller-Universität, in ricordo del poeta tedesco Schiller, il quale fu professore a Jena. Nel 2008 l'Università di Jena (FSU) ha celebrato i suoi 450 anni di tradizione accademica. Essa fu fondata nel 1558.

Presso l'università ha sede l'omonimo osservatorio, commissionato intorno al 1820 dal duca Carlo Augusto di Sassonia-Weimar-Eisenach su suggerimento di Johann Wolfgang von Goethe, supervisore dell'università.[2]

Nel 1806 fu teatro di una famosa battaglia che vide l'esercito napoleonico sconfiggere l'esercito prussiano. Nel 1846 Carl Zeiss vi fondò la celebre azienda omonima, leader nella progettazione e produzione di prodotti ottici. Jena, che dal 1945 al 1989 fece parte della Repubblica Democratica Tedesca, è un centro industriale, specializzato in macchinari di precisione, farmaceutica, strumenti ottici ed apparecchiature fotografiche.

 
JenTower a Jena.

CulturaModifica

Fra gli altri, sono da annoverare l'Optische Museum Jena, un museo sulla storia degli strumenti ottici; la chiesa di St. Michael, costruita tra il 1422 e il 1557; l'Università.

Suddivisione amministrativaModifica

Jena si divide in 24 zone (Stadtteil), corrispondenti all'area urbana storica e a 23 quartieri esterni:

  • Jena (area urbana storica)
  • Ammerbach
  • Closewitz
  • Cospeda
  • Drackendorf
  • Göschwitz
  • Ilmnitz
  • Isserstedt
  • Jenaprießnitz/Wogau
  • Krippendorf
  • Kunitz/Laasan
  • Leutra
  • Lichtenhain
  • Lobeda
  • Löbstedt
  • Lützeroda
  • Maua
  • Münchenroda/Remderoda
  • Vierzehnheiligen
  • Wenigenjena
  • Winzerla
  • Wöllnitz
  • Ziegenhain
  • Zwätzen

Infrastrutture e trasportiModifica

Rete tramviariaModifica

A Jena è in servizio una rete tramviaria composta di 5 linee:

  • 1 Winzerla ↔ Zwätzen
  • 2 Jena-Ost ↔ Ernst-Abbe-Platz
  • 3 Winzerla ↔ Lobeda-Ost
  • 4 Lobeda-West ↔ Jena-Ost
  • 5 Lobeda-Ost ↔ Ernst-Abbe-Platz

Vi sono poi due linee notturne:

  • 31 Lobeda-Ost ↔ Zwätzen
  • 35 Lobeda-Ost ↔ Ernst-Abbe-Platz

SportModifica

Il Carl Zeiss Jena è la società calcistica cittadina. Attualmente milita nel girone Nordost della Fußball-Regionalliga, uno dei cinque campionati regionali della quarta divisione del calcio tedesco.

La squadra di pallacanestro è lo Science City Jena.

AmministrazioneModifica

GemellaggiModifica

Jena è gemellata con[3]:

NoteModifica

  1. ^ Ente statistico della Turingia - Dati sulla popolazione
  2. ^ (DE) Lettera di Schiller a Goethe, 13 giugno 1794, su friedrich-schiller-archiv.de. URL consultato il 7 gennaio 2019.
  3. ^ Jenas Partnerstädte und weitere partnerschaftliche Beziehungen, jena.de. URL consultato l'11 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2012).
  4. ^ Città gemellate con Blenio, su comuneblenio.ch. URL consultato il 21 dicembre 2011.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN313003605 · LCCN (ENn80025810 · GND (DE4028557-1
  Portale Germania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Germania