Apri il menu principale

Gertrude de Dabo o in tedesco Dagsburg (1190 o maggio 120530 marzo 1225) è stata la figlia ed ereditiera di Alberto II, conte di Metz e di Dabo, e troviera. Si è sposata tre volte.

Gertrude porta il nome di sua madre, figlia di Ermanno III, margravio di Baden. La sua data di nascita nel maggio del 1205 (o non oltre la metà del 1206) è discutibile, poiché sua madre avrebbe avuto allora 52 anni[1]. Una data più plausibile si situa verso il 1190.

Gertrude diventa contessa alla morte di suo padre nel 1212, quando era già sposata con Tebaldo, il quale diventa presto duca di Lorena (1213), secondo la Vitae Odiliae. Il loro fidanzamento avrebbe avuto luogo nel settembre del 1205, forse quando lei era ancora una neonata[1]. In conseguenza del suo matrimonio suo marito prende a carico la gestione della sua eredità, ma muore all'inizio dell'anno 1220 senza lasciare discendenza. Nel maggio del 1220, contro le intenzioni dell'imperatore Federico II[2], lei sposa l'ancora adolescente Tebaldo IV di Champagne. Nel 1222 Teobaldo la ripudierà sia per consanguineità (secondo Alberico delle Tre Fontane), sia per sterilità (secondo Richer[1]). Nel 1224 si sposa per la terza volta, con Simone III, conte di Linange, ma muore in questo stesso anno e viene sepolta nell'abazia di Sturzelbronn, mentre suo marito eredita la contea.

Gertrude è probabilmente la duchessa di Lorena che ha composto due poesie liriche in lingua francese antica. Una delle due, Un petit devant le jour, si trova in fonti multiple, alcune accompagnate da notazione musicale[3]. L'altra si trova solo nel manoscritto CH-BEsu MS 389, con il titolo Un petit devant, recanti rispettivamente i numeri R1640 e R1995.

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Gertrude von Dagsburg - Foundation for Medieval Genealogy.
  2. ^ La Lorena faceva allora parte del Sacro Romano Impero e l'imperatore poteva dire la sua parola su questa questione.
  3. ^ (EN) Maria V. Coldwell, «Duchessa di Lorena», Grove Music Online, Oxford Music Online (url consultato il 16 agosto 2008).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica