Giacomo Kyuhei Gorobioye Tomonaga

San Giacomo Kyushei Gorobioye Tomonaga di Santa Maria

Sacerdote domenicano

 
NascitaGiappone, 1582
MorteNagasaki, 1633
Venerato daChiesa cattolica
Beatificazione1981
Canonizzazione1987 da San Giovanni Paolo II
Ricorrenza17 agosto
AttributiPalma del martirio

Giacomo Kyushei Gorobioye Tomonaga (Giappone, 1582Nagasaki, 17 agosto 1633) è stato un religioso giapponese. Fu un presbitero domenicano, ucciso a causa della sua fede cristiana. È venerato come santo e martire dalla Chiesa cattolica.

AgiografiaModifica

Giacomo Kyushei nacque nel 1582 da una nobile famiglia cattolica giapponese, studiò dai Gesuiti e divenne catechista. Nel 1614 si recò nelle Filippine dove divenne terziario francescano, per poi entrare nell'ordine domenicano e venir ordinato sacerdote nel 1626. Nel 1627 venne mandato a Formosa dove rimarrà per tre anni per poi tornare a Manila nel 1630. Nel 1632 tornò assieme a 10 missionari in Giappone nella città di Satzuma dove fuggirono alle autorità proseguendo la loro missione tra i perseguitati. Nel 1633 Giacomo venne arrestato grazie alla confessione di San Michele Kurobioye, il quale pentitosi verrà martirizzato insieme a lui. Il 15 agosto furono sottoposti alle torture della forca e fossa e Giacomo morì dopo due giorni. Il corpo venne bruciato e le ceneri disperse nel mare.

Collegamenti esterniModifica