Gian Lodovico I Pallavicino

Gian Lodovico I Pallavicino (1425Cortemaggiore, 1481) è stato un ambasciatore e politico italiano, primo marchese di Cortemaggiore.

Stemma dei Pallavicino

BiografiaModifica

Era figlio terzogenito di Rolando il Magnifico e di Caterina Scotti (?– 1468) di Agazzano.

Creato cavaliere nel 1450, visse alla corte degli Sforza di Milano, dove ricoprì importanti incarichi, tra i quali quello di consigliere ducale e di ambasciatore. Fu testimone al matrimonio di Ippolita Maria Sforza con Alfonso II di Napoli. Ebbe l'investitura del suo feudo nel 1458 da Francesco Sforza e confermato da Galeazzo Maria Sforza nel 1470.

Nel 1479, con il contributo di Maffeo del Carretto da Como, architetto del Duca di Milano, progettò e costruì ex novo la nuova capitale dello Stato, Cortemaggiore che rimane uno dei pochi esempi di città edificata secondo i principi della città ideale dettati da Leon Battista Alberti. Fece edificare la Chiesa dell'Annunziata, la Rocca (abbattuta nel 1809) e il Palazzo Pallavicino.

DiscendenzaModifica

Gian Lodovico sposò Anastasia Torelli (?– 1488) ed ebbero un figlio:

NoteModifica

  1. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Pallavicino, Torino, 1835.

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Pallavicino, Torino, 1835, ISBN non esistente.