Gianfranco Nocivelli

imprenditore e dirigente d'azienda italiano

Gianfranco Nocivelli (Offlaga, 24 settembre 1934Verolanuova, 15 agosto 2019) è stato un imprenditore e dirigente d'azienda italiano.

BiografiaModifica

Diplomato come perito elettronico all'Istituto tecnico industriale di Cremona, inizia a lavorare nell'impresa artigianale del padre Angelo, fondatore della OCEAN di Verolanuova (BS), della quale assume la guida col fratello Luigi nel 1955.

È stato amministratore delegato della holding di famiglia El.Fi. dal 1973 al 2001, presidente dell'Associazione Industriale Bresciana (AIB) dal 1988 al 1993[1], presidente di Federlombarda dal 1993 al 2004, ed è membro di Federmeccanica.

Dopo il fallimento del Gruppo Nocivelli, attivo nella produzione di elettrodomestici, crea una nuova holding denominata Aer.Fi. con sede legale a Gallarate e della quale è presidente, rilevando la Argoclima e la sua controllata francese Technibel, aziende produttrici di apparecchi per il riscaldamento e la climatizzazione[2].

Nel 2005 è stato coinvolto al caso giudiziario relativo al fallimento avvenuto quattro anni prima del Gruppo Moulinex-Brandt, controllato dalla El.Fi. e del quale Nocivelli è stato amministratore delegato. Viene assolto dal tribunale di Lione poiché la responsabilità della bancarotta era stata dei precedenti proprietari, i quali non avevano dato informazioni sulla gravosa situazione finanziaria di Moulinex, prima che venisse rilevata dagli imprenditori bresciani[3].

OnorificenzeModifica

  Cavaliere del Lavoro
«Iniziò giovanissimo l'attività di lavoro presso l'officina del padre Angelo a Verolanuova. Assieme al fratello Luigi, si dedicò alla progressiva trasformazione della piccola attività in una produzione di più ampio respiro, puntando decisamente su di un elettrodomestico poco diffuso in Italia: congelatore domestico, prodotto con il marchio ""OCEAN' (Officina Costruzioni Elettriche Angelo Nocivelli). La 'OCEAN', di cui Gianfranco Nocivelli assunse la carica di Presidente e Consigliere Delegato, crebbe rapidamente distribuendo i suoi prodotti in pratica all'intero mercato mondiale. La società conta 1280 dipendenti e il fatturato 1987 ammonta a 230 miliardi di lire. In quest'ultimo decennio Nocivelli ha realizzato e sviluppato una serie di attività collaterali: la produzione e i pannelli evaporatoti, impiegati nelle fabbricazioni di frigoriferi e congelatori (con la creazione di una nuova società, la 'Compagnia Generale Alluminio"") e la fabbricazione di apparecchiatura per il condizionamento dell'aria dopo l'acquisto della Westinghouse americana, della Delchi di Milano. Ha acquisito la società Zanussi Climatizzatori, ha rilevato la San Giorgio elettrodomestici di La Spezia.»
— Roma, 2 giugno 1988[4]
  Sigillo Longobardo (Regione Lombardia)
— 27 aprile 1999[5]

NoteModifica

  1. ^ Documento dal sito dell'AIB Archiviato il 7 ottobre 2011 in Internet Archive.
  2. ^ dal sito Casapassiva.com, su casapassiva.com. URL consultato il 29 novembre 2011 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2012).
  3. ^ "Moulinex, i Nocivelli vanno verso la rivincita" - Giornale di Brescia, 4 marzo 2006
  4. ^ Dal sito ufficiale della Presidenza della Repubblica Italiana
  5. ^ I Sigilli longobardi del Consiglio regionale della Lombardia, su www2.consiglio.regione.lombardia.it, Consiglio regionale della Lombardia, 27 aprile 1999. URL consultato il 4 novembre 2012 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2003).

BibliografiaModifica

  • (EN) AA.VV. - Who's Who in Italy - Bresso, Who's Who in Italy edizioni, 2009.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie