Giovanni Boccamazza

cardinale e vescovo cattolico italiano

Giovanni Boccamazza, o Boccamiti (Roma, metà del XIII secoloAvignone, 10 agosto 1309), è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Giovanni Boccamazza
cardinale di Santa Romana Chiesa
Ritratto del cardinale Boccamazza.
 
Incarichi ricopertiArcivescovo metropolita di Monreale (1278-1285)
 
Natometà del XIII secolo a Roma
Creato cardinale22 dicembre 1285 da papa Onorio IV
Deceduto10 agosto 1309 ad Avignone
 

Biografia

modifica

Nacque a Roma da una famiglia che ancora a metà secolo XIII apparteneva alla aristocrazia minore di Roma legata all'esercizio delle cariche municipali[1] imparentata con le famiglie Savelli, la famiglia di papa Onorio IV (1285-1287) e Capocci. La sua ricchezza, soprattutto dopo l'ascesa al cardinalato, fu inestimabile come altrettanto inestimablile fu il suo prodigarsi in opere buone con donazioni ed elemosine.

La sua carriera ecclesiastica, pur priva di un'autentica vocazione spirituale, proseguì in maniera spedita: fu rettore della chiesa di San Fortunato a Sens, nel 1278 fu eletto arcivescovo di Monreale in Sicilia e il 22 dicembre 1285 fu creato cardinale vescovo di Frascati dallo zio Onorio IV. Ben presto fu notata la sua grandissima abilità diplomatica e fu inviato in missione in Boemia, in Danimarca, in Polonia, in Svezia e in Germania dove, alla presenza degli arcivescovi di Magonza, Colonia e Vienne, presiedette al Sinodo di Würzburg.

Partecipò a ben cinque conclavi:

La sua vita al servizio del papato culminò con la nomina a decano del Sacro Collegio, avvenuta nel 1302. Nel 1309 morì ad Avignone, si dice che nel testamento[2], conservato in copia nell'Archivio Segreto Vaticano avesse donato decine di feudi e castelli, tra cui Saracinesco nei pressi di Tivoli e Ponticelli nella Sabina ai propri famigliari oltre a numerosi beni della sua notevole fortuna alla Chiesa[3]

  1. ^ Sandro Carocci, Baroni di Roma. Dominazioni signorili e lignaggi aristocratici nel duecento e nel primo trecento, Roma 1993, p.321 e segg.
  2. ^ v. A. Paravicini Bagliani, I testamenti dei cardinali del Duecento, Roma 1980, a.1309, p.380
  3. ^ Ingeborg Walter, Giovanni Boccamazza in Dizionario Biografico degli Italiani

Bibliografia

modifica
  • Agostino Paravicini Bagliani, Alfonso Ceccarelli, gli "Statuta Urbis" del 1305 e la famiglia Boccamazza : A proposito del codice Vat.lat. 14064, Roma 1978.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN306324844 · GND (DE1047455005