Apri il menu principale

Giovanni Capoccio da Tagliacozzo (Tagliacozzo, ... – Roma, 1522 circa) fu un capitano di ventura e uno dei tredici cavalieri italiani, che si opposero ai francesi nella disfida di Barletta.

Originario di Tagliacozzo, morì a Roma probabilmente intorno al 1522.

BiografiaModifica

Ne rivendicano i natali Tagliacozzo e Spinazzola.
Lo stemma cardinalizio della nobile famiglia romana dei Capoccio, è lo stesso portato da questo cavaliere durante lo scontro con i Francesi durante la storica Disfida di Barletta. Tale stemma è riprodotto nell'intestazione della pagina del catasto del 1635 riguardante la famiglia Capoccio di Tagliacozzo, conservato presso l'archivio storico del Comune Abruzzese. Inoltre, nell'albero genealogico di questa famiglia romana, vi è un Giovanni, ricordato come un eroe. Si tratterebbe però di Giovanni Gasperino detto "Capoccio", per via della sua grande testa, figlio di Pietro, patrizio romano morto a Spinazzola e come il figlio sepolto nel convento dei frati minori di San Francesco. Tale ipotesi, senza alcun documento che faccia da appoggio alla tesi, non è stata mai considerata attendibile. Lo stesso Gasperino (Gasparrino) è un avo del frate che ha sostenuto tale ipotesi.
Il fatto che si ritenga comunemente Capoccio di Roma è spiegato dal fatto che egli partecipò alla campagna contro i francesi (e quindi dalla parte degli spagnoli) essendo organico alla Compagnia di Cavalleria dei romani Fabrizio e Prospero Colonna, dei quali Fabrizio era, appunto, Duca di Tagliacozzo (dove sicuramente reclutò Giovanni Capoccio). A Tagliacozzo una piazza è dedicata a Capoccio e si svolgono manifestazioni e convegni legati al tema.

L'eroica figura del cavaliere Capoccio ha avuto, comunque, risonanza anche a Spinazzola, tanto che nel 1887 gli amministratori comunali vollero dedicargli una via e posero una lapide sulla facciata del Municipio con un'epigrafe del tranese Giovanni Bovio (Trani, 6 febbraio 1837 – Napoli, 15 aprile 1903).

La tradizione attribuisce al Capoccio l'appellattivo di "più forte campione italico dopo il Fieramosca". Fu sicuramente della battaglia di Ravenna, nel 1512, dove fu fatto prigioniero.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie