Apri il menu principale

Giovanni Klaus Koenig

architetto, designer e storico dell'architettura italiano
Giovanni Klaus Koenig

Giovanni Klaus Koenig (Torino, 1924Firenze, 1989) è stato un architetto, designer e storico dell'architettura italiano.

Indice

BiografiaModifica

La sua molteplice attività spicca nel panorama culturale fiorentino tra gli anni sessanta e gli anni ottanta. Laureato nel 1950 a Firenze, fu professore alla Facoltà di Architettura di Venezia e di Firenze, fondatore e promotore dell'ISIA di Firenze; autore di numerosi saggi sull'architettura e sul design in cui, in anticipo sui tempi, abbandonava una visione ortodossa del Razionalismo, recuperando movimenti d'avanguardia come l'espressionismo; condirettore di Casabella, vicedirettore di Parametro e collaboratore di numerosi quotidiani e riviste.

La sua attività progettuale fu dedicata soprattutto alla progettazione di veicoli, insieme a Roberto Segoni: ("Jumbotram" di Milano, elettromotrici MA.100 per la metropolitana di Roma, treni pendolari in lega leggera delle FS, carrozze Socimi per le Ferrovie Nord Milano).

Nel 1993, è nato il Centro Studi Koenig, un'associazione culturale che ha lo scopo di sviluppare i temi critici dell'opera di Koenig.

ArchitettureModifica

Passata in secondo piano rispetto all'attività di critico e storico, la sua produzione architettonica è ancora, in parte, da studiare e rivalutare all'interno di quella "scuola toscana" che Koenig stesso contribuì a definire criticamente in Architettura in Toscana 1931-1968 del 1968.

Tra le sue opere:

SaggiModifica

  • L'invecchiamento dell'architettura moderna (Firenze, 1963);
  • Architettura e comunicazione (Firenze, 1970), applicazione sistematica della semiotica allo studio dell'architettura;
  • L'invecchiamento dell'architettura moderna, 1962;
  • Analisi del linguaggio architettonico, 1964;
  • Architettura dell'Espressionismo, 1967;
  • L'officina Radiotelevisiva di Firenze, a cura di Pica A., Giovanni Klaus Koenig, 1969;
  • Storia del design, 1982;
  • Oltre il pendolino, 1988.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN77234027 · ISNI (EN0000 0001 0990 6181 · SBN IT\ICCU\CFIV\030885 · LCCN (ENn83049410 · GND (DE123893682 · ULAN (EN500225604 · NLA (EN35891071