Apri il menu principale
MA 100
Automotrice
Metro Roma Fahrzeug für die Strecke Roma-Lido.jpg
Elettromotrici in servizio sulla ferrovia Roma-Lido, in livrea “Freccia del Mare
Anni di costruzione 1976-1979
Anni di esercizio Linea A: 1980-2005
Ferrovia Roma-Lido: 2005-2018
Linea Napoli-Giugliano-Aversa: 2006-in uso
Quantità prodotta 152
Costruttore Breda, Ansaldo, Ercole Marelli, TIBB
Lunghezza 17 840 mm
Larghezza 2 850 mm
Altezza 3 500 mm
Capacità 32 posti a sedere
170 posti in piedi
Quota del piano di calpestio 1 100 mm
Scartamento 1 435 mm
Interperno 11 100 mm
Passo dei carrelli 2 150 mm
Massa in servizio 46 t
Massa a vuoto 30,7 t
Rodiggio Bo’Bo’
Diametro ruote 820 mm
Potenza oraria 540 kW
Potenza continuativa 440 kW
Velocità massima omologata 90 km/h
Alimentazione elettrica da linea aerea
1 500 V CC
Tipo di motore GLM 1381 K
Dati tratti da:
Giuliani, pp. 6-7
Racioppi, Cocozza, Squillante, p. 24
Elettromotrici in servizio sulla linea Napoli-Giugliano-Aversa

Le elettromotrici serie MA 100 sono una serie di elettromotrici costruite nella seconda metà degli anni settanta per l'esercizio della linea A della metropolitana di Roma.

Successivamente sono state cedute alle ferrovie Roma-Lido e Napoli-Giugliano-Aversa.

Indice

StoriaModifica

Nel 1974, in previsione dell'attivazione della linea A della metropolitana di Roma, l'amministrazione comunale affidò al consorzio Intermetro l'incarico di curare la progettazione e la costruzione di 152 elettromotrici per l'esercizio della linea in livrea arancione con porte grigio- chiaro[1].

La Intermetro curò la progettazione dei mezzi insieme alla STEFER (esercente della linea) e alle ditte costruttrici, così suddivise[2]:

Le prime elettromotrici vennero consegnate agli inizi del 1976 e iniziarono un ciclo di prove sulla ferrovia Roma-Lido[3]; le consegne si conclusero nel 1979[3], in tempo per prendere servizio sulla linea A, attivata l'anno seguente.

Le MA 100, sottoposte a ritmi di lavoro intensissimi, rimasero in servizio sulla linea fino al 2005, quando vennero sostituite dalle nuove MA 300[4]. Parte di esse vennero revisionate e trasferite sulla ferrovia Roma Lido con la nuova livrea Freccia del Mare. Le restanti furono accantonate e vendute per la demolizione[4].

Nel 2006 24 di queste ultime vennero acquistate dalla società MetroCampania NordEst per l'esercizio della linea Napoli-Giugliano-Aversa da essa gestita[4] ed esercita fino ad allora con treni noleggiati dalla linea 1 della metropolitana di Napoli[5]; le elettromotrici vennero sottoposte a un intervento di revamping approfondito comprendente la bonifica dall'amianto e il rifacimento degli interni[6] e, nel 2009, entrarono in servizio sulla linea campana[5].

Della ferrovia Roma-Lido gran parte delle MA100, dall'estate 2010, furono ritirate dal servizio per problemi strutturali dopo pochi anni di attività, in seguito al restyling del 2005.

Dal 1º settembre 2018 le MA100 non effettuano più servizio sulla Roma-Lido, rimanendo in servizio solo sulla Linea Arcobaleno di Napoli.

CaratteristicheModifica

Le MA 100 sono elettromotrici monocabina con cassa in lega leggera saldata elettricamente; l'alimentazione è presa dalla linea aerea mediante pantografi. La tensione nominale di funzionamento è di 1 500 V a corrente continua[7].

Le dimensioni generali delle vetture rispondono a criteri di unificazione e riprendono pertanto quelle dei mezzi della metropolitana di Milano[8].

L'equipaggiamento elettrico è di tipo reostatico[3]; ogni elettromotrice ha quattro motori, due per ogni carrello[9].

Le elettromotrici sono permanentemente accoppiate a formare delle unità di trazione binate (M + M)[7]; è possibile l'accoppiamento a comando multiplo fino a tre unità di trazione[7], ottenendo treni di 107 040 mm di lunghezza, che trasportano 1 212 passeggeri di cui 192 seduti[8].

NoteModifica

  1. ^ Giuliani, p. 15.
  2. ^ Giuliani, pp. 5-6.
  3. ^ a b c Racioppi, Cocozza, Squillante, p. 23.
  4. ^ a b c Racioppi, Cocozza, Squillante, p. 21.
  5. ^ a b Augusto Cracco e Alessandro Lutri, Sottoterra da Aversa a Napoli, in I Treni, nº 316, giugno 2009, p. 33.
  6. ^ Racioppi, Cocozza, Squillante, pp. 24-25.
  7. ^ a b c Giuliani, p. 7.
  8. ^ a b Giuliani, p. 6.
  9. ^ Giuliani, pp. 9-10.

BibliografiaModifica

  • Domenico Giuliani, Elettromotrici a 1500 V c.c. per la linea “A” della metropolitana di Roma, in Ingegneria Ferroviaria, nº 6, giugno 1976, pp. 5-15.
  • Giovanni Cornolò, Pronti i treni per la linea A, in Italmodel Ferrovie, nº 210, dicembre 1977, pp. 687-692.
  • Vittorio Formigari e Piero Muscolino, La metropolitana a Roma, Cortona, Calosci, 1983.
  • Giuseppe Racioppi, Paolo Cocozza e Barbara Squillante, Le elettromotrici MA100, in La Tecnica Professionale, nº 5, maggio 2011, pp. 21-27.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti