Apri il menu principale

Giovanni Pietro d'Altemps, III duca di Gallese

Crown of italian duke (corona normale).svg
Giovanni Pietro d'Altemps, III duca di Gallese
Duca di Gallese
Stemma
In carica 1620 –
1694
Predecessore Giovanni Angelo d'Altemps, II duca di Gallese
Successore Giuseppe Maria d'Altemps, IV duca di Gallese
Trattamento Don
Nascita Roma, 1607
Morte Roma, 1694
Luogo di sepoltura Basilica di Santa Maria in Trastevere
Dinastia Altemps
Padre Giovanni Angelo d'Altemps, II duca di Gallese
Madre Maria Cesi
Consorte Angelica de' Medici
Isabella Lante
Religione Cattolicesimo

Giovanni Pietro d'Altemps, III duca di Gallese detto anche Giampietro o semplicemente Pietro (Roma, 1607Roma, 1694), è stato un nobile italiano.

BiografiaModifica

Figlio di Giovanni Angelo, duca di Gallese e di sua moglie, Maria Cesi dei duchi d'Acquasparta, rimase orfano del padre a tredici anni e sino al raggiungimento della maggiore età nel 1625, pur ereditando i titoli ed i possedimenti del genitore, venne sottoposto alla tutela della nonna paterna, Cornelia Orsini.

Seguendo l'esempio di suo padre e rifuggendo gli intrighi della corte pontificia che avevano portato suo nonno alla morte, visse prevalentemente fuori Roma, nel castello di Gallese, dedicandosi al restauro completo della struttura ad opera del famoso architetto romano Carlo Fontana. Al suo servizio lavorò anche Marcantonio Stradella e nel 1655 ebbe l'onore di ospitare nel suo palazzo la regina Cristina di Svezia.

Nel 1626 acquistò dai fratelli Paolo Antonio e Vincenzo Baglioni il feudo di Sipicciano, che però mantenne sino all'agosto del 1632 quando lo rivendette ai medesimi che lo ricomprarono alla metà del prezzo pattuito, rivendendolo poi al doppio del prezzo alla famiglia Barberini. Giampietro aveva mantenuto per sé il casale di Santa Colomba presso Monterotondo che si rifiutò quindi di vendere categoricamente a Taddeo Barberini, ma che infine finì per cedergli, liberandosi dell'intero feudo.

Come il padre fu un raffinato letterato e si appassionò anche di musica: nel 1635, a Soriano, promosse la fondazione di un'accademia letteraria. Fu inoltre uno dei "guardiani" dell'Arciconfraternita del SS. Crocifisso di Roma per la quale compose diversi oratori musicali in latino.

Morì a Roma nel 1694 e venne sepolto nella Basilica di Santa Maria in Trastevere.

Matrimonio e figliModifica

Giovanni Pietro sposò in prime nozze Angelica de' Medici, figlia di Cosimo di Giulio de' Medici, imparentato col granduca Cosimo I de' Medici. La coppia ebbe insieme i seguenti figli:

  • Anna Margherita (m. dopo il 1632), monaca nel monastero di San Domenico e Sisto a Roma
  • Maria Francesca (m. dopo il 1632), monaca nel monastero di San Domenico e Sisto a Roma
  • Maria Cristina (m. 1712), sposò Ippolito Lante Montefeltro della Rovere, I duca di Bomarzo
  • Cornelia Lucia (m. 1691), sposò il conte Karl Friedrich Von Ems zu Hohenem

Alla morte della prima moglie nel 1636, si risposò con Isabella Lante (1615-1682), figlia di Marcantonio Lante, marchese di San Lorenzo e di sua moglie, Lucrezia della Rovere. Da questa unione nacque:

  • Giuseppe Maria (1652-1713), IV duca di Gallese, sposò Ortensia Mattei
  • Giovanni Angelo, prelato

Albero genealogicoModifica

Giovanni Pietro d'Altemps, III duca di Gallese Padre:
Giovanni Angelo d'Altemps, II duca di Gallese
Nonno paterno:
Roberto d'Altemps, I duca di Gallese
Bisnonno paterno:
Marco Sittico Altemps
Trisnonno paterno:
Wolf Dietrich von Ems zu Hohenemss
Trisnonna paterna:
Clara Medici di Marignano
Bisnonna paterna:
Olivia Giganti
Trisnonno paterno:
?
Trisnonna paterna:
?
Nonna paterna:
Cornelia Orsini
Bisnonno paterno:
Virginio Orsini, duca di San Gemini
Trisnonno paterno:
Ferdinando Orsini, V duca di Gravina
Trisnonna paterna:
Beatrice Ferrillo
Bisnonna paterna:
Giovanna Caetani
Trisnonno paterno:
Bonifacio Caetani, IV duca di Sermoneta
Trisnonna paterna:
Caterina Pio di Savoia
Madre:
Maria Cesi
Nonno materno:
Federico Cesi, I duca d'Acquasparta
Bisnonno materno:
Angelo Cesi, signore di Monticelli
Trisnonno materno:
Giangiacomo Cesi, nobile romano
Trisnonna materna:
Isabella Liviana d'Alviano
Bisnonna materna:
Beatrice Caetani dell'Aquila
Trisnonno materno:
Bonifacio Caetani, IV duca di Sermoneta
Trisnonna materna:
Caterina Pio di Savoia
Nonna materna:
Olimpia Orsini
Bisnonno materno:
Giovanni Orsini, marchese di Lamentana
Trisnonno materno:
Camillo Orsini, signore di Lamentana
Trisnonna materna:
Elisabetta Baglioni
Bisnonna materna:
Porzia dell'Anguillara
Trisnonno materno:
Giampaolo dell'Anguillara, signore di Ceri
Trisnonna materna:
Margherita Orsini

BibliografiaModifica

  • P. Litta, Famiglie celebri italiane, vol. I, Altemps, tav. II
  • G. Galbiati, Un manipolo di lettere degli Altemps al cardinale Federico Borromeo, Roma 1940, pp.52 e seguenti
  • P. E. Visconti, Città e famiglie nobili e celebri dello Stato pontificio, vol. III, Roma 1848, pp.447-458

Collegamenti esterniModifica

NoteModifica


  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie