Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

società dello Stato italiano
Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A.
Logo
Sede IPZS via Salaria.jpg
Stabilimento IPZS, via Salaria 712, Roma
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione6 dicembre 1928 a Roma
Sede principaleRoma
Persone chiave
Settore
  • Sicurezza
  • Anticontraffazione
  • Editoria
  • Numismatica
Prodotti
Fatturato503 milioni di euro (2019)
Utile netto84.129.174,05 di euro (2019)
Dipendenti1.860 (2018)
Sito webwww.ipzs.it/

L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (IPZS) è una società per azioni controllata al 100% dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Assolve la funzione di garante della fede pubblica attraverso l’ideazione e lo sviluppo di soluzioni integrate nell’ambito della sicurezza, della tutela della salute, dell’anticontraffazione e della tracciabilità. La sede legale è a Roma, in via Salaria 691, mentre la sua struttura produttiva è distribuita su tutto il territorio nazionale con gli Stabilimenti di Roma di cui fanno parte l’Officina Carte Valori e Produzioni Tradizionali e lo Stabilimento Salario, lo Stabilimento della Zecca in via Gino Capponi, lo Stabilimento ed ex cartiera di Foggia e lo Stabilimento di Verrès in Valle d'Aosta.

StoriaModifica

Fondato nel 1928 come Poligrafico dello Stato con legge n. 2744 del 6 dicembre 1928, l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato assume la denominazione attuale nel 1978, quando acquisisce la Zecca ai sensi della legge n. 154 del 20 aprile 1978. Con delibera CIPE n. 59/2002, il Poligrafico viene quindi trasformato in società per azioni con socio unico il Ministero dell’Economia e delle Finanze nel 2002. Raccogliendo l’eredità dell’Officina Governativa delle Carte Valori di Torino, fondata dall’allora Ministro delle Finanze Quintino Sella con legge n. 2265 dell’11 maggio 1865, il Poligrafico si conferma ancora oggi fornitore ufficiale di carte valori per lo Stato italiano, sviluppando tecnologie sempre più sofisticate e soluzioni integrate.

AttivitàModifica

Le attività della Società possono essere ricondotte a quattro grandi aree:

  • documenti d’identità;
  • anticontraffazione e tracciabilità;
  • monetazione e filiera artistica;
  • filiera giuridico-amministrativa e prodotti web based.

La Società cura, inoltre, la stampa delle pubblicazioni ufficiali dello Stato, tra cui la Gazzetta Ufficiale e delle carte valori dello Stato, tra cui i francobolli, che vengono realizzati dall’Officina Carte Valori e Produzioni tradizionali.

Documenti di identitàModifica

Il Poligrafico realizza, produce, gestisce e sviluppa le infrastrutture del software necessario per l’emissione dei documenti di identità quali carta d’identità, passaporto[1] e permesso di soggiorno[2] elettronici. La gestione integrata dei processi di produzione, emissione e controllo dei prodotti, che attestano l’identità dei cittadini e l’autenticità di beni di cui lo Stato è garante, rappresenta un elemento di tutela della sicurezza e della fede pubblica[3].

CIE 3.0Modifica

La nuova CIE[4] garantisce l’identità fisica e digitale del cittadino e consente l’accesso ai servizi online di PP.AA. e privati, anche in ambito UE. Il Poligrafico ha realizzato nel 2019 l’applicazione CIE ID, con cui l’utente può identificarsi tramite “Entra con CIE” e collegarsi ai principali servizi pubblici semplicemente attraverso smartphone. Nel 2018 si è concluso il piano di dispiegamento delle postazioni di lavoro funzionali all’emissione del documento in tutti i Comuni italiani e dal 2019 è stato avviato, in via sperimentale, anche il rilascio della CIE all’estero.

Anticontraffazione e tracciabilitàModifica

Prodotti fondamentali per la tutela della salute pubblica quali i bollini farmaceutici, tasselli tabacchi, e della filiera viti-vincola quali i contrassegni vini D.O., sono realizzati dal Poligrafico con complesse tecniche di stampa e sono dotati di sofisticati sistemi a garanzia dell’autenticità di origine del prodotto e della sua tracciabilità durante l’intero ciclo di vita[5].

Dall’iniziativa congiunta tra il Poligrafico e la Banca d’Italia, nel 2018 è stata costituita la Società controllata Valoridicarta S.p.A., finalizzata alla produzione, secondo il modello dell’in-house providing, di carte speciali di sicurezza ed elementi/prodotti di sicurezza e/o anticontraffazione, con particolare riferimento al settore della carta per banconote e per documenti di riconoscimento.

Monetazione e filiera artisticaModifica

Tra i compiti istituzionali affidati in via esclusiva alla Società rientra anche la coniazione di moneta circolante e per collezionisti che viene assicurata allo Stato italiano e a diversi Stati esteri, quali la Repubblica di San Marino e lo Stato della Città del Vaticano. Ogni anno viene realizzata dal Poligrafico la Collezione Numismatica della Repubblica Italiana le cui monete vengono emesse, secondo un calendario stabilito, dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e i cui soggetti vengono selezionati da una Commissione composta da rappresentanti del Ministero, della Zecca e da Maestri d’arte.

Storia della Zecca italianaModifica

 
Il Poligrafico di via Gino Capponi

La storia della Zecca italiana è strettamente legata alla storia della Nazione. Nel 1870, con Roma capitale del Regno d’Italia, scompaiono le Zecche degli stati preunitari, la Zecca Pontificia diviene Regia Zecca. L’edificio della Zecca dell’Italia unita viene realizzato in via Principe Umberto a Roma nel 1908 e inaugurato nel 1911, per ospitare lo Stabilimento, il Museo della Zecca e la Scuola dell’Arte della Medaglia.

Nel 1999 lo Stabilimento Zecca viene trasferito nell’edificio di via Gino Capponi che inizialmente si affianca e poi subentra alla sede storica di via Principe Umberto nella coniazione dell’euro e nelle attività di monetazione a corso legale, numismatica, medaglistica e di creazione di prodotti d’arte. All’interno della Zecca, importante la presenza del CNAC,il Centro Nazionale per l’Analisi delle Monete, autorità nazionale competente in materia di analisi dei falsi.

Il Museo della ZeccaModifica

Il Museo della Zecca di Roma, inizialmente presente nel palazzo della Regia Zecca e poi presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze in via XX Settembre, è situato dal 2016 in Via Salaria 712 nel complesso industriale che ospita l’Officina Carte Valori e Produzioni Tradizionali.

La CollezioneModifica

La sede del Museo della Zecca, in cui nel 1992 durante i lavori per la costruzione del nuovo edificio è stato rinvenuto un mausoleo di epoca romano imperiale del II secolo d.C., accoglie collezioni di monete, medaglie, conî, punzoni e modelli in cera oltre a copie di ogni moneta e medaglia di nuova emissione. Inoltre vi è conservata una raccolta di modelli in cera di Benedetto Pistrucci, autore del modello della sterlina britannica raffigurante San Giorgio e il drago, ancora oggi in uso presso la Zecca reale britannica.

La Scuola dell'Arte della MedagliaModifica

La Scuola dell’Arte della Medaglia (SAM) è stata istituita su impulso del Re Vittorio Emanuele III, il “Re numismatico”, con legge n. 486 del 14 luglio 1907, nello storico palazzo di via Principe Umberto, a Roma nel quartiere Esquilino, dove tuttora opera, per creare all’interno della Regia Zecca una scuola d’alta specializzazione sulle tecniche di modellazione e incisione a taglio diretto, in grado di rinnovare l’immagine della moneta e della medaglia italiana che sarebbe stata poi coniata dalla prima Zecca dell’Italia unita.

La scuola forma ogni anno 12 allievi provenienti da tutto il mondo, ammessi ai corsi dopo aver superato un concorso che viene bandito all’inizio di ogni anno accademico. In ordine di graduatoria, gli allievi idonei, dopo aver superato la selezione, sono ammessi a frequentare il corso ordinario (di durata triennale) ed il corso propedeutico (annuale).

Filiera giuridico-amministrativa e prodotti web basedModifica

Nel rispetto degli obiettivi di Open Government fissati dal quadro legislativo e programmatico nazionale, il Poligrafico svolge le seguenti attività per la divulgazione dell’informazione di fonte pubblica di carattere giuridico, amministrativo, culturale e scientifico[6]:

  • realizzazione e gestione del processo informatizzato per la produzione e la diffusione della Gazzetta Ufficiale (cartacea e telematica);
  • realizzazione e gestione del servizio Normattiva che mette a disposizione gratuitamente tutta la legislazione italiana online in multi-vigenza dal 1861 a oggi, con aggiornamento quotidiano della banca dati a seguito delle modifiche apportate agli atti normativi;
  • gestione di servizi web dedicati alla divulgazione dell’informazione di fonte pubblica
  • realizzazione e gestione di servizi di acquisizione, raccolta, redazione e metadatazione di informazioni inerenti tematiche giuridico-legislative;
  • redazione e realizzazione di opere editoriali con il marchio “Libreria dello Stato”;
  • realizzazione di pubblicazioni, prodotti cartotecnici e modulistica varia per la pubblica amministrazione, tra cui il materiale necessario per la gestione del servizio elettorale.

Impegni di sostenibilità sociale e ambientaliModifica

Il Poligrafico, in linea con il contesto internazionale, europeo e nazionale nel quale opera, alla luce delle sfide dettate dai cambiamenti climatici e dall’affermazione di nuovi modelli di economia circolare, adotta le seguenti direttrici di miglioramento:

  • Life Cycle Assessment del portafoglio prodotti attuale e progettazione nuovi prodotti in ottica di economia circolare;
  • Processi di acquisto responsabili (rating di sostenibilità per i fornitori come criterio premiante nel processo di approvvigionamento e riduzione della catena di approvvigionamento);
  • Aumento del livello di indipendenza energetica tramite autoproduzione con l’utilizzo di fonti rinnovabili;
  • Adozione di politiche attive per la Carbon Neutrality;
  • Estensione a tutta l’Azienda di sistemi per la sicurezza dei lavorati basata sui comportamenti virtuosi (BBS – Best Behaviour Safety);
  • Riduzione del foot-print ambientale dei prodotti e dei processi produttivi.

Indicatori economiciModifica

Il fatturato aziendale nel 2013 era pari a 360 milioni di euro, mentre nell’esercizio 2018 ha raggiunto un volume di 460 milioni di euro, con un tasso medio annuo di crescita del 4%. L’EBITDA operativo nel 2018 ha raggiunto i 178 milioni di euro (38% circa del fatturato): nel 2013 tale indicatore superava di poco i 110 milioni[7].

Vertici aziendaliModifica

Cronologia dei vertici aziendali IPZS.[8]

IPZS SpAModifica

Periodo Carica e nome Note
dal 2017
(mandato 2017 - 2019)
[9]
2014 - 2016 [9][10]
2011 - 2013
2008 - 2010 [11]
2007 - 2009
  • Presidente: Mario Murri
  • Amministratore delegato: Lamberto Gabrielli
[12]
2004 - 2006 [13][14]
2002 - 2004
  • Presidente: Claudio Varrone
[15]

Dati societariModifica

  • Ragione sociale: Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato - I.P.Z.S. S.p.A.
  • Sede societaria: Via Salaria, 691 – 00138 Roma
  • Partita IVA: 00880711007

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN136699896 · ISNI (EN0000 0001 0942 9442 · LCCN (ENnr92006462 · GND (DE301776-X · BNF (FRcb140311732 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr92006462