Girl Power (femminismo)

Girl power (a volte scritto grrrl power) è uno slogan che incoraggia e celebra l'emancipazione, l'indipendenza, la fiducia e la forza delle donne. L'invenzione dello slogan è attribuita alla band punk statunitense Bikini Kill, che nel 1991 pubblicò una fanzine chiamata Girl Power. È stato poi reso popolare dal gruppo femminile britannico Spice Girls a metà degli anni '90.[1]

Primi utilizzi e originiModifica

Nel 1991, la band punk americana Bikini Kill pubblicò una zine femminista chiamata Girl Power .[2] La cantante della band, Kathleen Hanna, ha detto che è stata ispirata dallo slogan Black Power.[3] Il termine è diventato popolare all'inizio e alla metà degli anni '90 nella cultura punk. La Rolling Stone Encyclopedia of Rock & Roll attribuisce alla zine il merito di aver coniato lo slogan: "Nella loro fanzine femminista Bikini Kill hanno articolato un programma per le giovani donne dentro e fuori la musica; la band ha messo in pratica quelle idee. Bikini Kill si è guadagnato una reputazione nell'underground punk per aver confrontato certi standard di quel genere; per esempio, chiedendo alle persone di sbattere sul lato del palco, in modo che le donne non vengano spinte fuori dalla parte anteriore, e invitando le donne a prendere il microfono e parlare di abusi sessuali.[4]

Alcuni altri artisti musicali che hanno usato lo slogan nella loro musica sono la band gallese Helen Love, che appare nel ritornello della loro canzone del 1992 "Formula One Racing Girls",[5] e il duo pop-punk Shampoo,[6] che ha pubblicato un album e un singolo intitolato Girl Power nel 1995

Spice GirlsModifica

Il quintetto pop britannico Spice Girls ha portato il mantra nella coscienza mainstream a metà degli anni '90.[7][8][9] La versione di "girl power" delle Spice Girls si concentrava sull'importanza di un'amicizia forte e leale tra le donne,[10][11] con un messaggio di empowerment che attraeva ragazze, adolescenti e donne adulte.[12][13] Secondo la rivista Billboard, hanno dimostrato un'amicizia femminile reale, non competitiva, cantando: "Se vuoi il mio amante, devi stare con i miei amici. Fallo durare per sempre; l'amicizia non finisce mai. "[7]

In tutto, la presentazione mirata e coerente del "girl power" ha costituito il fulcro del loro fascino come band.[13][14] Alcuni commentatori attribuiscono alle Spice Girls il rinvigorente femminismo mainstream negli anni '90,[7][15] con il mantra "girl power" che funge da porta d'accesso al femminismo per i loro giovani fan.[11][16] D'altra parte, alcuni critici hanno liquidato il "potere femminile" come nient'altro che una tattica di marketing superficiale, mentre altri hanno contestato l'enfasi sull'aspetto fisico, preoccupati per il potenziale impatto sui giovani autocoscienti e / o impressionabili.[12] Indipendentemente da ciò, la frase divenne un fenomeno culturale,[17] adottata come mantra per milioni di ragazze[11][13] e persino nell'Oxford English Dictionary .[18] Riassumendo il concetto, l'autore Ryan Dawson ha detto: "Le Spice Girls hanno cambiato la cultura britannica abbastanza da far sembrare il Girl Power del tutto insignificante".[19]

Nel 2018, Rolling Stone ha nominato il marchio di "girl power" delle Spice Girls in The Millennial 100, un elenco di 100 persone, musica, pietre di paragone culturali e movimenti che hanno plasmato la generazione dei Millennial.[20]

Borse di studioModifica

Nel suo libro del 2002 Girl Heroes: The New Force in Popular Culture, la professoressa Susan Hopkins suggerisce una correlazione tra il "potere femminile", le Spice Girls e le eroe d'azione femminili alla fine del 20 ° secolo.[21]

Lo slogan è stato esaminato anche nel contesto del campo accademico, ad esempio gli studi di Buffy .[22] La teorica dei media Kathleen Rowe Karlyn nel suo articolo "Scream, Popular Culture and Feminism's Third Wave: I'm Not My Mother"[23] e Irene Karras in "The Third Wave's Final girl : Buffy the Vampire Slayer " suggeriscono un collegamento con la terza ondata femminista . Frances Early e Kathleen Kennedy nell'introduzione a Athena's Daughters: Television's New Women Warriors, discutono di ciò che descrivono come un legame tra il potere femminile e una "nuova" immagine delle donne guerriere nella cultura popolare.[24]

Dizionario inglese di OxfordModifica

Un aggiornamento del 2001 dell'Oxford English Dictionary ha definito il Girl Power come:

«Ragazze che esercitano il potere; spec. un atteggiamento di autosufficienza tra le ragazze e le giovani donne manifestato in ambizione, assertività e individualismo. Sebbene sia anche usato più ampiamente (specialmente come slogan), il termine è stato particolarmente e ripetutamente associato alla musica popolare; in particolare all'inizio degli anni '90 con il brevemente prominente movimento "riot grrrl" negli Stati Uniti»

Nella cultura di massaModifica

NoteModifica

  1. ^ bbc.com, https://www.bbc.com/news/entertainment-arts-48381340.
  2. ^ The New York Times, https://www.nytimes.com/2016/07/12/arts/music/kathleen-hanna-julie-ruin-hit-reset-interview.html. URL consultato il 13 giugno 2017.
  3. ^ Sara Marcus, Girls to the Front, New York, Harper Perennial, 2010.
  4. ^ Copia archiviata, su RollingStone.com. URL consultato il 13 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2015).
  5. ^ homepage.ntlworld.com, http://homepage.ntlworld.com/elizabeth.ercocklly/helenlov.htm. URL consultato il 30 settembre 2012.
  6. ^ Copia archiviata, su freewilliamsburg.com. URL consultato il 30 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2019).
  7. ^ a b c billboard.com, https://www.billboard.com/articles/news/features/7439005/spice-girls-wannabe-girl-power-feminism. URL consultato il 15 luglio 2016.
  8. ^ From Title IX to Riot Grrrls, in Harvard Magazine, gennaio–February 2008. URL consultato il 30 settembre 2012.
  9. ^ Girl power | You've come a long way baby, in BBC News, 30 dicembre 1997. URL consultato il 30 settembre 2012.
  10. ^ Copia archiviata, su stylist.co.uk. URL consultato il 12 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2017).
  11. ^ a b c 13thfloor.co.nz, https://www.13thfloor.co.nz/?p=67296. URL consultato il 9 luglio 2016.
  12. ^ a b How the Spice effect still packs punch, in BBC News, 7 luglio 2016. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  13. ^ a b c “You've come a long way baby...". BBC. 30 December 1997.
  14. ^ “20 years of Girl Power: Were the Spice Girls feminists or just opportunists?”. Irish Independent. 6 July 2016.
  15. ^ huffingtonpost.com, https://www.huffingtonpost.com/entry/spice-girls-feminist-history_us_55c36cafe4b0923c12bbb16f. URL consultato il 15 febbraio 2017.
  16. ^ theguardian.com, https://www.theguardian.com/commentisfree/2012/dec/13/spice-girls-feminism-viva-forever. URL consultato il 13 dicembre 2012.
  17. ^ Will there ever be another girl band like the Spice Girls?. New Statesman. 14 July 2016.
  18. ^ BBC News. Article on "Girl Power" being added to the Oxford English Dictionary. British Broadcasting Corporation. 17 January 2002.
  19. ^ Dawson, Ryan. "Beatlemania and Girl Power: An Anatomy of Fame". Bigger Than Jesus: Essays On Popular Music. University of Cambridge. Archived from original on 28 April 2005. Retrieved 17 February 2017.
  20. ^ The Millennial 100: #2.The Spice Girls' 'Girl Power', in Rolling Stone, 17 ottobre 2018. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  21. ^ Costi, Angela, Super Slick Power Chicks: The New Force or Elaborate Parody?, in Senses of Cinema, 4 ottobre 2002. URL consultato il 30 settembre 2012.
  22. ^ "The Third Wave's Final girl: Buffy the Vampire Slayer" Archiviato il 20 giugno 2005 in Internet Archive.
  23. ^ genders.org, 2003, http://www.genders.org/g38/g38_rowe_karlyn.html. URL consultato il 30 settembre 2012.
  24. ^ h-net.org, http://www.h-net.org/reviews/showrev.cgi?path=238391094059727. URL consultato il 30 settembre 2012.
  Portale Femminismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di femminismo