Giro di Lombardia 1907

corsa ciclistica
Italia Giro di Lombardia 1907
Edizione
Data3 novembre
PartenzaMilano
ArrivoSesto San Giovanni
Percorso210 km
Tempo7h53'41"
Media26,600 km/h
Ordine d'arrivo
PrimoFrancia Gustave Garrigou
SecondoItalia Ernesto Azzini
TerzoItalia Luigi Ganna
Cronologia
Edizione precedenteEdizione successiva
Giro di Lombardia 1906Giro di Lombardia 1908

Il Giro di Lombardia 1907, terza edizione della corsa, fu disputata il 3 novembre 1907, su un percorso totale di 210 km. Fu vinta dal francese Gustave Garrigou, giunto al traguardo con il tempo di 7h53'41", alla media di 26,600 km/h, precedendo Ernesto Azzini e Luigi Ganna.

Presero il via da Milano 100 ciclisti e 37 di essi portarono a termine la gara. Il vincitore fu inizialmente Giovanni Gerbi, giunto al traguardo in solitaria dopo aver attaccato a una trentina di chilometri dal via, ma la giuria della Gazzetta dello Sport lo retrocesse al 37º e ultimo posto per irregolarità. Durante la corsa i tifosi di Gerbi, presumibilmente d'accordo con lo stesso ciclista, avevano infatti ostacolato ripetutamente e in più punti i rivali, prima chiudendo un passaggio a livello, poi improvvisandosi operai intenti a sistemare il fondo stradale, infine gettando chiodi sul manto stradale. Nelle fasi finali di gara lo stesso Gerbi si era inoltre fatto aiutare da allenatori in motocicletta, sfruttandone la scia.[1][2] Nelle settimane seguenti alla corsa Gerbi fu squalificato dall'Unione Velocipedistica Italiana per due anni, durata poi ridotta a sei mesi.[1][2]

Ordine d'arrivo (Top 10)Modifica

Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Gustave Garrigou Peugeot-Wolber 7h53'41"
2   Ernesto Azzini Atena a 12'23"
3   Luigi Ganna Turkheimer a 18'49"
4   Felice Galazzi - a 24'30"
5   Andrea Massironi - a 29'25"
6   Henri Rheinwald - a 42'16"
7   Ernesto Ferrari - s.t.
8   Ferrucio Mirancelli - a 42'17"
9   Mario Gaioni - a 55'19"
10   Attilio Alberti - a 55'39"

NoteModifica

  1. ^ a b CICLISMO in "Enciclopedia dello Sport", su treccani.it. URL consultato il 24 giugno 2020.
  2. ^ a b Gerbi Esempio di volontà di tenacia e d'ardimento, in Lo Sport Fascista, Anno I, n. 4, settembre 1928, p. 48-52. URL consultato il 27 giugno 2020.

Collegamenti esterniModifica