Giuliano e Basilissa

Santi Giuliano e Basilissa
Basilissa Julian.jpg
Cristo in gloria con i santi Giuliano, Basilissa, Celso e Marcionilla. Pompeo Batoni, 1736-38. Los Angeles, Getty Museum
 

Coniugi Martiri

 
MorteAntinoe, 304
Venerato daChiesa cattolica e Chiesa ortodossa
Ricorrenza6 gennaio
Patrono diDuno (VA)

Giuliano e Basilissa (m. Antinoe, circa 304) sono stati due coniugi cristiani che subirono il martirio nella Tebaide durante il regno di Diocleziano e sono venerati come santi il 6 gennaio.

AgiografiaModifica

Giuliano e Basilissa erano marito e moglie. Poco si sa di questi santi, a parte le leggende agiografiche tratte dai loro atti. Non esiste documentazione storicamente attendibile relativa a questi due personaggi, e più di una volta questo Giuliano di Antinoe è stato confuso con Giuliano di Cilicia[1]. Costretto dalla sua famiglia a sposare Basilissa, Giuliano era d'accordo con la sua sposa che avrebbero entrambi preservato la loro verginità. Giuliano poi incoraggiò Basilissa a fondare un convento per le donne, di cui divenne la superiora, mentre lui stesso raccolse un gran numero di monaci e si impegnò nella loro direzione. I due trasformarono la loro casa in un ospedale in grado di ospitare fino a mille persone[2].

Entrambi subirono il martirio durante la persecuzione di Diocleziano ad Antiochia, in Siria, per ordine del governatore Marziano, secondo i latini, a Antinoe, in Egitto, secondo i greci, che sembra più probabile. Basilissa fu giustiziata per prima, insieme con le donne del monastero. Più tardi Giuliano e gli uomini furono messi in barili di pece ardente, ma questo non procurava loro alcun danno. Vedendo questo miracolo, il figlio del governatore, Celso, si convertì al Cristianesimo. Quando lui e gli altri vennero mandati in prigione, chiese di poter vedere sua madre Marcionilla. Quando lei giunse, ebbe una visione miracolosa che la convinse a diventare cristiana. Giuliano fu messo a morte per decapitazione. Celso, il giovane figlio di Marcionilla, fu martirizzato insieme a Giuliano. Il prete Antonio fu martirizzato al tempo stesso, così come un convertito e neofita di nome Anastasio.

CultoModifica

In ogni caso, questi due santi devono aver goduto di una grande reputazione in antichità e la loro venerazione era ben consolidata prima dell'VIII secolo. Nel Martyrologium Hieronymianum sono menzionati sotto il 6 gennaio; Usuardo, Adone, Notker di San Gallo e altri li mettono sotto il giorno 9 gennaio, e Rabano Mauro sotto il 13 dello stesso mese.

«Ad Antinoe nella Tebaide, in Egitto, santi Giuliano e Basilissa, martiri.»

(Martirologio Romano)

NoteModifica

  1. ^ La confusione è facilmente spiegabile con il fatto che trentanove santi di questo nome sono menzionati nel Martirologio Romano, otto dei quali sono commemorati nel mese di gennaio.
  2. ^ in tal modo, Giuliano è spesso confuso con Giuliano l'Ospitaliere.

BibliografiaModifica

  • Kevin Kiernan, Odd Couples in Ælfric’s Julian and Basilissa in British Library Cotton MS Otho B., in Beatus vir: Studies in Anglo-Saxon and Old Norse Manuscripts in Memory of Phillip Pulsiano, eds. Kirsten Wolf and A.N. Doane, Tempe (AZ) 2005, pp. 85-106.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica