Apri il menu principale

Giulio Giovanardi

ingegnere italiano

StudiModifica

Laureato in Ingegneria elettrotecnica nell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza".

Attività nelle Ferrovie dello StatoModifica

Nel 1945 fu assunto come allievo ispettore e assegnato al reparto Trazione di Roma San Lorenzo[1].

Nel 1948, classificatosi secondo su duecentocinquanta concorrenti nel concorso per ispettore, fu nominato in ruolo e continuò a lavorare nella stessa sede del Compartimento di Roma[1].

Nel 1957 fu trasferito alla sede centrale di Firenze del Servizio Materiale e Trazione delle FS, e assegnato all'Ufficio Studi e Progettazione Mezzi di trazione, di cui dal 1967 al 1983 fu il direttore[1].

Specialista del progetto dei motori elettrici di trazione, diresse tutti i progetti di locomotive e automotrici delle FS sviluppati dall'Ufficio Studi e Progettazione Mezzi di trazione durante la sua permanenza in esso, e tra gli altri quello delle E.444[1].

Dal 1972 fino al pensionamento fu anche direttore dell'Istituto sperimentale delle Ferrovie dello Stato[1].

Attività industrialeModifica

Per conto delle FS partecipò alle attività di diverse commissioni e gruppi di studio dell'UIC e dell'ORE, dell'UNI e del CEI[1].

Docenza universitariaModifica

Fino al 1991 fu docente di Costruzione di macchine elettriche nella Facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza"[1].

Contributi scientificiModifica

Ha pubblicato numerosi articoli nelle riviste del Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani Ingegneria ferroviaria e La tecnica professionale. Della prima fu anche componente del Comitato di redazione[1].

Fu collaboratore delle pubblicazioni dell'Istituto della Enciclopedia italiana, e in particolare dell'Enciclopedia italiana, del Lessico universale italiano e del Dizionario enciclopedico italiano.

Altre attività professionaliModifica

Dal 1948 fu socio del Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani e collaboratore delle sue riviste Ingegneria ferroviaria e La tecnica professionale[1].

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i Ricordo, op. cit., p. 23.

BibliografiaModifica

Contributi biograficiModifica

Voci correlateModifica