Apri il menu principale
I quattro vertici delle forze armate cilene promotori del golpe del 1973

Il potere esecutivo in Cile attraverso il colpo di stato dell'11 settembre 1973, in primo luogo, venne acquisito dalla Giunta militare (Junta militar de gobierno). Dal giugno 1974 al marzo 1990 essa detenne altresì il potere legislativo.

Indice

StoriaModifica

La Giunta ha rappresentato il "comando supremo della Nazione".

Nella sua composizione iniziale nei giorni del golpe, era composta dal comandante in capo dell'esercito, Augusto Pinochet Ugarte, presidente della giunta, dal comandante in capo della Fuerza Aérea de Chile Gustavo Leigh Guzman (dal 1978 Fernando Matthei), dal comandante in capo della Marina cilena, José Toribio Merino e dal comandante generale dei Carabineros, César Mendoza Durán (dal 1985 Rodolfo Stange).

Il 12 settembre la giunta fu integrata da alcuni militari che furono designati ai vari dicasteri tra cui Patricio Carvajal (difesa), Ismael Huerta Díaz (esteri), Sergio Figueroa Gutiérrez (Opere pubbliche), Lorenzo Gotuzzo (finanze), Roberto Kelly (Pianificazione), Pedro Ewing Hodar (Segretario generale). Primo civile fu l'11 ottobre l'economista Fernando Léniz (Economia e bilancio). Cedette il potere esecutivo il 17 giugno 1974 al "Capo della Nazione" Pinochet (dal 16 dicembre presidente della Repubblica), e al suo governo.

Ceduto il potere esecutivo, ha esercitato funzioni solo costituenti e legislative. Nel 1975 fu emanato lo statuto della giunta, e furono istituite le commissioni legislative per materia.

 
Pinochet e la giunta negli anni '80

Dopo l'approvazione della costituzione cilena del 1980, nel 1981 il generale Pinochet cessò di far parte dell'organismo perché incompatibile con la carica di presidente della Repubblica e presidente della giunta divenne l'ammiraglio José Toribio Merino. Per l'esercito entrarono così in giunta i facenti funzioni César Benavides (1981-1985), Julio Canessa Robert (1985-1986), Humberto Gordon (1986-1988), Santiago Sinclair (1988-1989) e Jorge Lucar Figueroa (1989-1990). Sotto la presidenza Toribio furono emanati 3.660 Decreti legge e 1.090 Leggi. È rimasta in carica fino all'8 marzo 1990, quando la funzione legislativa tornò al Congresso nazionale cileno.

PresidentiModifica

Dicasteri (1973/74)Modifica

Ministro Nome Período
Ministro dell'Interno Óscar Bonilla Bradanovic 1973 - 1974
Ministro degli esteri Ismael Huerta Díaz 1973 - 1974
Ministro Segretario Generale del Governo Pedro Ewing Hodar 1973 - 1974
Ministro dell'Economía, Finanze e Ricostruzione Rolando González Acevedo 1973
Fernando Léniz 1973 - 1974
Ministro delle Finanze Tito Lorenzo Gotuzzo Borlando 1973 - 1974
Ministro dell'Educazione José Navarro Tobar 1973
Hugo Castro Jimenéz 1973 - 1974
Ministro della Giustizia Gonzalo Prieto Gándara 1973 - 1974
Ministro della Difesa nazionale Patricio Carvajal 1973 - 1974
Ministro delle Opere pubbliche e trasporti Sergio Figueroa Gutiérrez 1973 - 1974
Ministro dell'Agricoltura Sergio Crespo Montero 1973 - 1974
Ministro dei Beni Nazionali Diego Barba Valdés 1973 - 1974
Ministro del Lavoro e Previdenza sociale Nicanor Díaz Estrada 1973 - 1974
Ministro della Salute Pubblica Alberto Spoerer Covarrubias 1973 - 1974
Ministro delle Miniere Agustín Toro Dávila 1973 - 1974
Ministro della Casa e Urbanismo Arturo Vivero Ávila 1973 - 1974
Ministro della Pianificazione Roberto Kelly 1973 - 1974

Voci correlateModifica