Apri il menu principale
Armada de Chile
Marina Militare del Cile
Coat of arms of the Chilean Navy.svg
Stemma della Marina Cilena
Descrizione generale
Attiva1818
NazioneCile Cile
ServizioForza armata
TipoMarina militare
PatronoSagrado Corazón de Jesús
Motto"Vencer o Morir"
Battaglie/guerreGuerra del Pacifico
Anniversari21 maggio battaglia di Iquique
13 maggio consacrazione al Sacro Cuore
Comandanti
AmmiraglioJulio Leiva Molina (2018 - )[1]
Degni di notaThomas Cochrane
Manuel Blanco Encalada
Arturo Prat
Jorge Montt
José Toribio Merino
Simboli
Bandiera di bompressoNaval Jack of Chile.svg
Voci su marine militari presenti su Wikipedia

La Armada de Chile è la Marina militare del Cile. Fa parte delle Forze armate cilene.

StoriaModifica

La Marina Cilena cominciò a svilupparsi sin dall'inizio del XIX secolo a seguito dell'indipendenza dalla Spagna. Sul finire del secolo prese parte alla Guerra del Pacifico. All'inizio del XX secolo ebbe un notevole sviluppo in previsione di un eventuale conflitto con l'Argentina, il cosiddetto conflitto del Beagle per problemi di confine relativi alla parte estrema del Cono Sud per la sovranità delle isole del canale Beagle e dello spazio marittimo adiacente, che rivestono un notevole valore strategico per il passaggio tra gli oceani Atlantico e Pacifico. Le tensioni tra i due stati sono proseguite per tutto il corso del secolo e si riaccesero in particolare nel 1978, quando lo scontro armato sembrava imminente ma fu evitato grazie alla mediazione della Santa Sede.[2][3]

UnitàModifica

Mezzi aereiModifica

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2018)[4]
Note Immagine
Aerei da pattugliamento marittimo
Lockheed P-3 Orion   Stati Uniti aereo antisommergibile P-3ACH 2[4][5][6] 2 P-3A e 6 UP-3A da trasporto ex US Navy consegnati a partire dal 1993.[6] Di questi, la metà venne introdotta in servizio, mentre il restante utilizzati come fonte di parti di ricambio.[6] Di questi 4, a giugno 2018 ne restano in organico 2 che sono stati inviati alla canadese IMP Aerospace che li sottoporrà ad un esteso upgrade che comprenderà aggiornamento dell'avionica, sostituzione di parte delle ali, montaggio di un nuovo stabilizzatore orizzontale e nuovi motori, mentre il cockpit sarà aggiornato con sistemi della Rockwell Collins.[5][6]
Casa P-295 Persuader   Spagna aereo antisommergibile P-295 3[4][5][7] 3 C-295 da pattugliamento marittimo consegnati e tutti in servizio al giugno 2019.[7]
Embraer EMB 110 Bandeirante   Spagna aereo da pattugliamento marittimo EMB-110CN 3[4]
Partenavia P.68 Observer 2   Italia aereo da pattugliamento marittimo P.68 7[4][5]
Aerei da addestramento
Pilatus PC-7   Svizzera aereo da addestramento PC-7 6[4][8][9] 10 PC-7 Turbo Trainer furono acquistati nel settembre 1979 al fine di sostituire i Beechcraft T-34 Mentor.[9] Un primo lotto di quattro aerei fu consegnato nel maggio 1980, un secondo lotto sempre di 4 aerei nel luglio dello stesso anno, mentre i due aerei rimanenti arrivarono nel marzo 1981.[9] Essi ricevettero i codici da Naval 210 a Naval 219.[9] Il VT-1 Instruction Squadron è dotato, all'agosto 2018, di 6 aerei, in quanto il Naval 210 fu perso in un atterraggio di emergenza nel luglio 1999, mentre il Naval 214 e il Naval 218 furono ritirati dal servizio e convertiti in gate guardians.[9] Il Naval 211 non era operativo a luglio 2018, a causa di un incidente causato da un guasto al motore al momento del decollo che riportò danni strutturali minori all'elica e al carrello di atterraggio.[9] L'aereo è stato riparato ed al gennaio 2019, riportando a 7 gli esemplari in servizio.[8]
Elicotteri
Aérospatiale AS 532 Cougar   Francia elicottero antinave AS 332
AS 532SC
2[10][4]
6[11][4]
2 AS 332 in servizio dal 1990 al 2003, sostituiti da altrettanti modelli di seconda mano ricevuti nel 2012.[10] 6 AS 532SC ricevuti a partire dal 1993.[11]
Airbus Helicopters AS365 Dauphin   Francia elicottero ASW
SAR
AS 365N2
AS 365F1
4[4][12][13]
4[4][12][14][13]
4 AS365N2 e 4 AS 365F1 e in servizio all'ottobre 2019.[14][13][12] Si tratta di 4 esemplari di seconda mano acquistati tra il 2005 ed il 2006, e 4 esemplari ex Irish Air Corps acquistati nel 2008.[12][14][13] Ad ottobre 2019 é stato comunicato che i 4 AS 365F1 ex irlandesi, utilizzati nei ruoli utility e SAR, saranno trasformati in elicotteri armati per svolgere missioni marittime antiterrorismo ma anche di combattere il bracconaggio e la pesca illegale.[14][13]
MBB Bo 105   Germania SAR BO105 4[4]
Bell 206 Jet Ranger   Stati Uniti elicottero da addestramento UH-57B 6[4] 4 acquisiti nel 1970 ed assegnati temporaneamente allo squadrone antisommergibile ed armati di siluro Mk 44 fino al 1977, quando, con la consegna dell'Aerospaziale SA 319B Alouette III, furono assegnati a compito di collegamento ed addestramento.[15] Il loro numero fu successivamente aumentato a 8 unità tra il 1978 ed il 1981.[15]
Airbus H125   Unione europea elicottero da addestramento H125 (AS 350B3E) 0 5 H125 (AS 350B3E) ordinati a settembre 2019 nell'ambito del progetto "Gaviota".[16][17]

GradiModifica

Ufficiali
Equivalente
NATO Code
OF-9 OF-8 OF-7 OF-6 OF-5 OF-4 OF-3 OF-2 OF-1 OF(D) e Allievo ufficiale
                       
Almirante Vicealmirante Contraalmirante Comodoro Capitán de Navío Capitán de Fragata Capitán de Corbeta Teniente 1° Teniente 2° Subteniente Guardiamarina
Sottufficiali e comuni
Equivalent
NATO Code
OR-9 OR-8 OR-7 OR-6 OR-5 OR-4 OR-3 OR-2 OR-1
      Non equivalente            
Suboficial Mayor Suboficial Sargento 1° Sargento 2° Cabo 1° Cabo 2° Marinero 1º Marinero 2º

NoteModifica

  1. ^ "EL PRESIDENTE DE CHILE NOMBRA AL NUEVO ALTO MANDO FE LA ARMADA PARA EL AÑO 2019", su defensa.com, 7 novembre 2018, URL consultato il 7 novembre 2018.
  2. ^ Un modello di diplomazia. Nel 1978 l'avvio di una mediazione della Santa Sede tra Cile e Argentina (PDF), in L'Osservatore Romano, 24 ottobre 2008. URL consultato il 12 gennaio 2009.
  3. ^ Quando Giovanni Paolo II evitò la guerra tra Cile e Argentina, in L'Occidentale, 06 gennaio 2009. URL consultato il 12 gennaio 2009.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) World Air Force 2019 (PDF), su Flightglobal.com, p. 13. URL consultato il 12 dicembre 2018.
  5. ^ a b c d "AVIACIÓN NAVAL Y INFANTERÍA DE MARINA DE CHILE: PROGRAMAS MODERNIZACIÓN", su defensa.com, 30 novembre 2018, URL consultato il 30 novembre 2018.
  6. ^ a b c d "IMP INICIA LA MODERNIZACIÓN DEL SEGUNDO P-3ACH ORION CHILENO", su infodefensa.com, 8 giugno 2018, URL consultato il 11 giugno 2018.
  7. ^ a b "AIRBUS REALIZARÁ ISPECCIÓN MAYOR EN AVIÓN PERSUADER DE LA ARMADA DE CHILE", su infodefensa.com, 12 giugno 2019, URL consultato il 20 giugno 2019.
  8. ^ a b "LA ARMADA DE CHILE INTREGRARÁ AVIÓNICA DIGITAL EN SUS PILATUS PC-7", su infodefensa.com, 24 gennaio 2019, URL consultato il 24 gennaio 2019.
  9. ^ a b c d e f "PRIME TURBINES REALIZARÀ OVERHAUL A MOTORES DE PILATUS PC-7 CHILENOS", su infodefensa.com, 10 agosto 2018, URL consultato il 10 agosto 2018.
  10. ^ a b "AÉROSPATIALE AS332 SUPER PUMA IN ARMADA DE CHILE", su helis.com, URL consultato il 18 ottobre 2019.
  11. ^ a b "AÉROSPATIALE AS532 COUGAR IN ARMADA DE CHILE", su helis.com, URL consultato il 18 ottobre 2019.
  12. ^ a b c d "CHILE LICITA EL MANTENIMIENTO DE UN DAUPHIN DE LA ARMADA", su infodefensa.com, 24 maggio 2018, URL consultato il 26 maggio 2018.
  13. ^ a b c d e "DES DAUPHIN 2 CHILIENS BIENTÔT ADAPTÉS AU COMBAT", su avionslegendaires.net, 18 ottobre 2019, URL consultato il 18 ottobre 2019.
  14. ^ a b c d "CHILEAN NAVY CONSIDERS TACTICAL SEAGOING ROLE FOR AS 365s", su janes.com, 17 ottobre 2019, URL consultato il 18 ottobre 2019.
  15. ^ a b "CHILE ADQUIRIRÁ EN 2019 EN REEMPLAZO DEL HELICÓPTERO NAVAL RANGER", su infodefensa.com, 5 ottobre 2018, URL consultato il 8 ottobre 2018.
  16. ^ "EL H125 DE AIRBUS HELICOPTERS GANA EL PROYECTO GAVIOTA DE LA ARMADA DE CHILE", su defensa.com, 24 settembre 2019, URL consultato il 25 settembre 2019.
  17. ^ "LA ARMADA DE CHILE ADJUDICA A AIRBUS LA COMPRA DE CINCO HELICÓPTEROS H125", su infodefensa.com, 24 settembre 2019, URL consultato il 25 settembre 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0001 0656 8076 · LCCN (ENn82127253 · WorldCat Identities (ENn82-127253