Apri il menu principale

Giuseppe Musacchia (Zef Muzàka in albanese; Piana degli Albanesi, 1837Piana degli Albanesi, 1910) è stato un presbitero di rito bizantino-greco, scrittore e pubblicista italiano di origine arbëreshë.

Indice

BiografiaModifica

Giuseppe Musacchia nacque a Piana degli Albanesi nel 1837.

Papàs di rito bizantino-greco e beneficiale della chiesa della Santissima Annunziata (Klisha e Shën Mërisë së Lajmëruar) in zona Patret, pubblicò versi in greco e traduzioni di libri liturgici greci[1]; rivendicò alla Matrice il collegio dei parroci, e scrisse fra l'altro una Monografia di Piana degli Albanesi in lingua albanese[2] pubblicata nelle celebri colonne del Fiamuri Arbërit, la rivista fondata e diretta da Girolamo de Rada.

A parte i pochi errori di valutazione che si riscontrano, tale è il caso della presunta origine scutarina dei fondatori di Piana degli Albanesi, si tratta di una testimonianza che contiene utili informazioni storiografiche, specie in quella parte in cui vengono descritte la società e l'economia pianiote. Morì nel 1910 nel suo paese natale.

Opere principaliModifica

  • La liturgia del Battesimo e della Cresima della Chiesa orientale, versione dal greco con note mistico-teologiche, Palermo 1878;
  • Elogio funebre pel Cavaliere Archimandrita Demetrio Camarda, scrittore italo-albanese, per le solenni esequie nella matrice chiesa in Piana dei Greci, Palermo 1882;
  • Monografia Hora e Arbëreshëvet, in Fiamuri Arbërit, Piana degli Albanesi 1884.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Aspetti della cultura bizantina ed albanese in Sicilia: a cura di Pietro Di Marco e Alessandro Musco, Officina di Studi Medievali, Palermo, 95-110, 2005.ISBN non esistente
  • Biblos, Servizio di informazione culturale e bibliografica: De Planae Albanensium Viris Illustribus, Biblioteca Comunale "G. Schirò", Piana degli Albanesi, 21-22, 2002.ISBN non esistente

Voci correlateModifica